Biscotti mostruosi di Halloween

Zucche, ragni e pipistrelli, arriva Halloween con una nuova ricetta per la rubrica di cucina: ‘Le ricette di Essenza di Vaniglia’ di Laura Gioia. Buon appetito!

Zucche, ragni, pipistrelli, mostri e dita di strega. Ragnatele, fantasmi e storie di terrore.
Sta per tornare uno dei momenti più controversi del nostro calendario.
Da una parte chi resta fedele alla tradizione e aspetta il primo novembre per celebrare la festa religiosa di Ognissanti, dall’altra bambini e ragazzi che attendono con ansia la sera del 31 ottobre per mascherarsi e bussare alle porte dei vicini recitando il gridolino minaccioso dell’ormai celebre “dolcetto o scherzetto?”
I più tradizionalisti arricciano il naso di fronte a zucche intagliate, scheletri e streghe, affermando che Halloween non ci appartiene, come non ci appartengono tutte queste usanze.
Ma ne siamo sicuri?
In alcune zone dell’ Abruzzo le zucche vengono chiamate “Cocce de morte”. Le nonne narrano come, nella tradizione contadina, a fine ottobre, si raccoglievano le grosse zucche gialle rimaste nei campi e che ormai non erano più buone per essere mangiate perché dure e filacciose. Alcuni le davano ai maiali insieme alle ghiande e alle patate vecchie e chi invece, le svuotava, le intagliava disegnando occhi, naso e bocca e ci metteva dentro una candela accesa.
Così “le cocce de morte” venivano portate tra le case dei paesi dai ragazzi.
Ancora oggi queste tradizioni sono rimaste vive in diversi borghi d’Abruzzo, e quando i ragazzi bussano alle porte e si annunciano con la frase ”l’aneme de le morte!“, il padrone di casa si prepara ad offrire dolcetti o spiccioli. A volte la richiesta è accompagnata da canti, come a Pettorano sul Gizio, dove si intonano queste parole:

“Ogge è lla feste de tutte li sande:
Facete bbene a st’aneme penande…
Se vvu bbene de core me le facete,
nell’altre monne le retruverete.

Ecco come, anni prima che i telefilm americani conquistassero con la loro cultura e con le loro tradizioni frotte di bambini e ragazzi, nelle case contadine si intagliava la zucca e gruppi di adolescenti giravano con fattezze di mostri di casa in casa chiedendo dolcetti.

Tornando ad oggi.
In tempo di Covid purtroppo i bambini dovranno rinunciare a festeggiare Halloween come vorrebbero. Per divertirli potreste preparare una golosa merenda insieme a loro per un party casalingo. Coinvolgeteli nella realizzazione di biscotti mostruosi a forma di zucca, di pipistrello o di qualsiasi altra forma vi suggerisca la fantasia. Gli appositi stampi si trovano facilmente in commercio, ma sarà altrettanto divertente far realizzare dai bambini la forma su un cartoncino per poi ritagliarla sulla frolla. Non preoccupatevi se non saranno perfetti perché appariranno ancora più mostruosi!

RICETTA BISCOTTI DI HALLOWEEN

Ingredienti
per la frolla
260 g di farina 0
100 g di zucchero di canna
100 g di polpa di zucca
100 g di burro
1 pizzico di sale
1 pizzico di cannella in polvere
1 tuorlo
la buccia di un’arancia bio
per la versione arancione
20 g di farina 0
per la versione al cacao
20 g di cacao amaro

per decorare
zucchero di canna
20 g di burro
cannella

per farcire
crema di nocciole

Preparazione
Tagliate a pezzi non troppo piccoli la polpa di zucca e cuocetela in forno a 170° per 20’. In alternativa potete cuocerla al vapore. 
Un volta morbida, con il mixer frullatela insieme all’uovo.
In una ciotola lavorate il burro con lo zucchero, aggiungete quindi le uova frullate con la zucca, il sale, la buccia d’arancia e la cannella. Unite infine la farina e lavorate brevemente per non scaldare l’impasto fino a ottenere una pasta frolla omogenea. Questa operazione potete farla velocemente nella planetaria con il gancio a foglia, oppure nel mixer.
Dividete in due l’impasto e aggiungete la farina per la frolla arancio e il cacao per la frolla scura. Amalgamate velocemente con le dita.
Formate la palla, rivestitela con la pellicola da cucina e mettetela in frigo per mezz’ora.
Una volta tolta dal frigorifero, stendete la pasta frolla a 3 o 4 mm di spessore e ritagliatela con un taglia biscotti a forma di zucca, di pipistrello o di fantasma.
Per le zucche intagliate occhi naso e bocca solo a metà dei biscotti. Esistono stampi che hanno questa funzione, in alternativa divertitevi ad intagliare la bocca con un coltellino e a realizzare gli occhi e il naso con una cannuccia.
Per i pipistrelli potete realizzare gli occhi con delle gocce di cioccolato o con dei confettini marroni.
A questo punto, disponete i biscotti su una teglia, ricoperta da carta forno, e infornate i biscotti a 180 °C per 17-18’. Sfornate e lasciateli raffreddare.
Ora passate alla decorazione! Per le zucche. Frullate lo zucchero di canna con la cannella. Fondete i 20 g di burro e spennellatevi i biscotti con i fori e cospargeteli di zucchero alla cannella. Spalmate un po’ di crema di nocciole su metà dei biscotto e chiudete a panino con il biscotto che avete spolverato con lo zucchero.
Servite subito o conservate ben chiusi in una scatola di latta per ¾ giorni.

Visita il blog di Essenza di Vaniglia: www.essenzadivaniglia.it