L’Aquila, i ristoratori non ci stanno: la protesta contro l’auto lockdown

Protesta in Piazza Duomo dei ristoratori aquilani contro la crisi da Covid19 e l'auto lockdown. "Noi, donne e uomini dimenticati nel momento più difficile".

È di nuovo protesta a L’Aquila. I ristoratori non ci stanno e tornano a manifestare contro l’auto-lockdown. Appuntamento in piazza Duomo mercoledì 28 ottobre: “Basta con la politica subdola e miope”.

L’associazione RAVV, Ristoratori AQ VS Virus, pronta a scendere in piazza per protestare contro il Governo e la crisi post Covid19. Commercianti, dipendenti di imprese private, fornitori, associazioni di categoria, sindacati, maestranze. Un fronte comune per manifestare contro “l’assoluto e totale dissenso verso l’azione terroristica del Governo, che ci ha imposto un auto-lockdown”.

“Consapevoli del ruolo centrale che la piccola e media impresa italiana riveste nell’equilibrio del sistema paese, vogliamo urlare a gran voce la nostra rabbia di donne e uomini vessati e dimenticati nel momento più difficile della Repubblica degli ultimi 75 anni. E la Repubblica siamo tutti noi!”

“Mercoledì 28 Ottobre 2020, ore 10:00 in Piazza Duomo a L’Aquila. Siamo stanchi di parole al vento; se lo Stato non ci tutela, lo faremo da noi!”.