Avezzano, 103 casi alla Rsa Don Orione: struttura commissariata

Di Pangrazio commissaria la Rsa Don Orione di Avezzano. 103 casi positivi tra personale e ospiti. La commozione di un operatore della struttura: "I 'nonni' stanno bene per fortuna, pregate per i miei colleghi contagiati".

103 casi, tra dipendenti e personale. Viene definita una “gravissima situazione emergenziale” quella creatasi all’interno della struttura per anziani Don Orione di Avezzano, commissariata dal sindaco Di Pangrazio. Le lacrime di un operatore sanitario: “Pregate per i miei colleghi”.

L’emergenza coronavirus ha investito l’Rsa Don Orione di Avezzano, commissariata per l’impossibilità di poter far fronte alla situazione di pericolo incombente con i mezzi ordinari offerti dall’ordinamento giuridico.

Per questo, con ordinanza datata 15 ottobre, il primo cittadino neo eletto ha disposto: “la nomina del commissario, nella persona della Dott.ssa Sabrina Cicogna, in qualità di Direttore sanitario facente funzioni della Azienda Sanitaria Locale Avezzano Sulmona L’Aquila, con poteri di subentro nella gestione di tutte le attività sanitarie della R.S.A. Don Orione in Avezzano, che si sostituisce all’attuale amministratore, limitatamente al superamento dell’attuale situazione di emergenza e per la durata necessaria al raggiungimento di detto fine, con esercizio di tutti i poteri necessari al superamento dell’attuale situazione di emergenza;

– la nomina di due delegati del commissario, nelle persone dei Dottori Carmine Viola e Rossella De Santis, con funzioni di ausilio allo stesso nello svolgimento delle funzioni commissariali;

– la nomina del funzionario comunale Dott. Claudio Tonelli con il compito di assicurare la vigilanza sull’esatto adempimento della presente Ordinanza e lo stretto collegamento tra le attività commissariali e questa Autorità.

Don Orione Avezzano, le lacrime di un operatore sanitario marsicano

“I nonni stanno tutti bene e stanno abbastanza bene anche i miei colleghi che hanno contratto il Covid”. Tra le lacrime apre una finestra dalla Rsa Don Orione di Avezzano un infermiere marsicano.

Con la tuta protettiva addosso e la mascherina appena abbassata sul mento, nel suo sfogo affidato ai social, l’operatore della struttura sanitaria rassicura i suoi contatti: “non sono positivo”. Poi il volto si fa scuro, per parlare delle difficile situazione che è venuta crearsi alla Rsa Don Orione di Avezzano.

13 positivi, poi 70. All’improvviso 103, tra personale ed ospiti interni alla struttura, compreso il direttore. “Sapete tutti qual è la situazione qui a Don Orione, ci sono molti casi….e il mio dispiacere più grande è per i miei colleghi che hanno preso il virus“, parole rotte dall’emozione, nel raccontare un’emergenza nata all’improvviso, per la quale si sta cercando di risalire alle cause.

Non ho contatti con nessuno da sabato scorso, quindi rassicuro tutti coloro che mi conoscono. Speriamo questo che questo periodo passi subito. Andrà davvero tutto bene, fosse davvero l’ultima cosa che faccio a questo mondo: supereremo insieme tutto questo”.