Impennata casi Covid Abruzzo, Marsilio: “Attenzione alta. Pronti per didattica a distanza”

Impennata Casi Covid in Abruzzo, riunione dell'Unità di crisi. Marsilio invita la popolazione, "A mantenere alta l'attenzione. Tanti i tamponi effettuati. La regione è pronta ad affrontare la didattica a distanza per le scuole".

“I casi in Abruzzo sono tanti ma presi in tempo e i dati dagli ospedali lo confermano. In ogni caso è importantissimo mantenere alta l’attenzione”.

Così interviene in diretta su Facebook il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, dopo la riunione all’Unità di Crisi. 

Alla luce dell’impennata dei casi Covid in Abruzzo il presidente invita la popolazione, “A mantenere alta la vigilanza ma non dobbiamo farci impressionare dai numeri. Rispetto al periodo tragico della pandemia, adesso vengono fatti tanti tamponi e i dati comunque parlano chiaro: solo 11 terapie intensive”.

“Le persone oggi vengono intercettate subito, i contatti stretti classificati e sottoposti a loro volta a tampone. Se vengono trovate persone positive, più del 90 percento non sviluppano sintomi e possono restare tranquillamente a casa, isolati per gestire il periodo di quarantena e pochissimi, dati alla mano, sviluppano dei sintomi”.

“Il territorio sta reagendo, ma dobbiamo tenere alte le difese, mi raccomando soprattutto a chi prende i mezzi pubblici, molto attenti con le mani a non toccarsi occhi e bocca”.

Emergenza Covid e Scuole: torna la didattica a distanza?

Si è parlato di una introduzione nel nuovo Dpcm della dad per le scuole superiori. “L’anno scolastico si concluderà comunque o in presenza o a distanza come siamo riusciti a fare lo scorso anno. Il sistema scuola è stato colpito alla sprovvista e non era ancora dotato nemmeno degli strumenti quindi nel caso in cui ci dovessero essere nuove restrizioni si potrà andare avanti comunque”.

“Il problema scuola è stato sollevato in merito ai trasporti pubblici che non sono in grado, in diverse regioni, di supportare o arginare la capienza sui mezzi. Ci sarebbe bisogno di un dispendio di energie e risorse che in questo momento evidentemente non è possibile”.

Un monito quindi anche per i più giovani: “Pensavamo fossero immuni invece l’età media si è abbassata. Quando non sviluppano la malattia possono comunque essere contagiosi se in contatto persone più anziane e più fragili”.

Un commento anche sul nuovo Dpcm che dovrebbe essere pronto in queste ore.

“Dopo il confronto tra presidenti delle Regioni, abbiamo dato mandato ai 3 governatori che ci rappresentano. Siamo d’accordo su alcune misure sanitarie che andranno ad abbassare da 14 a 10 giorni la quarantena. Possiamo quindi dichiarare guarita una persona anche al primo tampone negativo”.

“Stiamo discutendo sulle misure restrittive per il pubblico agli eventi sportivi o culturali e sugli sport di contatto. Se bisogna adottare delle restrizioni che impediscono a delle categorie di lavorare e portare avanti le attività economiche deve scattare un meccanismo di solidarietà importante che porti al ristoro economico di questo blocco”.

Ad esempio, ricorda Marsilio, il blocco riguardante il settore “divertimenti”: “Mancano ancora le risorse economiche per il settore discoteche e siamo ancora in ritardo anche per altre attività”.

Regione Abruzzo: riunione dell’Unità di crisi.

“La situazione nel nostro territorio è complessa ma deve essere affrontata secondo principi di coerenza, responsabilità e razionalità”, commenta così il sindaco Pierluigi Biondi.

“Comportamenti e atteggiamenti frenetici possono sovraccaricare e far collassare il sistema sanitario territoriale e le strutture deputate alla somministrazione di tamponi e test che devono essere effettuati dietro prescrizione medica. Invito a confidare nelle regole che abbiamo imparato e che devono accompagnare il nostro stile di vita in ogni contesto”.

“Ho chiesto che siano rafforzati il servizio di igiene, epidemiologia e salute pubblica, e si avvii un confronto serrato con i medici di medicina generale e con i pediatri di libera scelta”.

Link alla diretta Facebook:

https://www.facebook.com/abruzzoregioneaperta/videos/761191571110667