Pendolari Tua, l’odissea e lo scaricabarile per la prenotazione delle corse

Pendolari Tua L'Aquila-Avezzano, l'odissea per cambiare un biglietto. "Siamo in mano all'ennesimo intoppo burocratico in cui il nostro problema diventa uno scaricabarili".

Per I pendolari Tua sembra impossibile riuscire a prenotare una corsa fuori da quelle programmate da abbonamento.

La segnalazione arriva da una lettrice aquilana tramite la rubrica Dillo al Capoluogo.

È una dei tanti pendolari che tutti i giorni percorre, per motivi di lavoro, la tratta L’Aquila-Avezzano. Dopo l’emergenza Covid, anche gli abbonati devono necessariamente prenotare la corsa per avere un posto assicurato sul bus Tua.

I pendolari solitamente hanno la corsa nel solito orario, nel caso specifico la signora aveva la necessità di fermarsi ad Avezzano per motivi di lavoro.

L’odissea per la pendolare comincia quando ha provato a telefonare alla biglietteria dell’Aquila.

“Il telefono è staccato – spiega al Capoluogonon rispondono mai e quando qualcuno con il mio stesso problema ci è riuscito gli è stato che la modifica del biglietto non è di loro competenza e che per queste cose c’è un numero verde“.

“Benissimo, pensavo di aver trovato la quadra. Chiamo il numero verde e pensa un po’? Dopo un’ora di attesa anche loro mi hanno risposto che la modifica della prenotazione non è di loro competenza e di andare fisicamente alla biglietteria dell’Aquila. Se io mi trovo ad Avezzano e devo appunto trovare un posto sull’autobus come faccio andare fisicamente a chiedere?”

“Come al solito ci troviamo davanti all’ennesima burocrazia ‘scaricabarili’, io capisco benissimo l’emergenza e la necessità di fare attenzione per evitare il contagio ma io così rischio un anno lavorativo in costante stress dato che potrei avere più volte la necessità di dovermi fermare ad Avezzano e posticipare il rientro. Mi è stato proposto di provare comunque a salire sul bus successivo ma se poi alle fermate salgono le persone che hanno prenotato, io come faccio?”.

“Intanto oggi sono ripartita al solito orario perchè, nonostante un abbonamento pagato, non ho avuto nessun tipo di assistenza”, conclude.

Dillo al Capoluogo è la rubrica attraverso la quale potete fare gli auguri ai vostri cari. Ma potete anche raccontarci tutto quello che non va o il vostro punto di vista. Scriveteci a ilcapoluogo@gmail.com oppure su WhatsApp (392 6758413) o ancora tramite la pagina Facebook.