Ballottaggio Avezzano e Chieti, crolla l’affluenza

Si voterà fino alle 15 di oggi, in Abruzzo, ad Avezzano e Chieti, per il ballottaggio che deciderà i nuovi primi cittadini. Affluenza in netto calo in entrambi i centri

Scende, come da previsioni, l’affluenza al voto per il doppio ballottaggio a Chieti e Avezzano. I due maggiori centri di nuovo alle urne: i seggi elettorali chiuderanno alle 15. Poi partirà lo spoglio.

Avezzano, la città più grande per la provincia dell’Aquila al voto per le amministrative 2020, eleggerà il proprio sindaco tra i candidati: Giovanni Di Pangrazio, civico, e Tiziano Genovesi, centrodestra. Affluenza al 40,47%, secondo gli ultimi dati disponibili, aggiornati alle 23,17 di ieri sera. Un calo netto rispetto all’affluenza registrata al primo turno, quando, alla stessa ora presa in esame si era raggiunto il 56,46% di votanti. L’affluenza finale era stata, sempre al primo turno, pari al 74,30%. 

Vota nuovamente anche Chieti, l’unico capoluogo di provincia chiamato alle urne per questa tornata elettorale. La sfida, in questo caso, è tra Fabrizio Di Stefano, candidato per il centrodestra, e Pietro Diego Ferrara, candidato per il centrosinistra. I seggi si sono riaperti questa mattina fin dalle 7, tuttavia anche a Chieti l’affluenza è in calo. 40,37% la percentuale registrata fino a ieri sera alle 23,19, a fronte del 51,96% registrato lo scorso 21 settembre, al primo turno.

Si può restare aggiornati sull’affluenza visitando il sito istituzionale a questo link.

Ballottaggio Avezzano – Chieti: come si è concluso il primo turno

Avezzano:

Al primo turno le elezioni amministrative del 20 e 21 settembre avevano decretato il ballottaggio tra Giovanni Di Pangrazio e Tiziano Genovesi. Di Pangrazio era andato subito in testa, sostenuto da ben 8 liste civiche, a seguire Tiziano Genovesi – con 4 liste a suo sostegno – protagonista di un testa a testa fino alla fine con il candidato sindaco Mario Babbo.

Dopo giorni di problemi che hanno rallentato lo spoglio elettorale, con due sezioni rimaste in sospeso e commissariate (la 9 e la 26). I dati ufficiali, in definitiva, hanno visto Di Pangrazio ottenere in totale 8033 preferenze, con una percentuale del 32,56%. Il candidato Tiziano Genovesi ha fatto registrare 5470 voti, per una percentuale di preferenze pari al 22,14%. 

Nessun apparentamento tecnico entro i tempi consentiti dalla legge ad Avezzano. Il candidato Di Pangrazio, tuttavia, ha incassato il sostegno della coalizione di Mario Babbo (in un primo momento l’appoggio è arrivato solo dalla lista GenerAzione+, poi è stato ufficializzato anche dal candidato sindaco Babbo), del candidato alla carica di sindaco Antonio Del Boccio.

Vari botta e risposta, invece, sul fronte centrodestra, diviso al primo turno con la corsa in solitaria di Forza Italia, a sostegno della candidata Anna Maria Taccone. Le ultime parole sono state quelle di Gabriele De Angelis, dopo l’annuncio del voto di FI a Genovesi, arrivato dal coordinatore della sede elettorale del candidato sindaco del centrodestra, Fabio Bisegna. “Avanti con il nostro progetto politico: staremo all’opposizione”, ha precisato De Angelis alla fine di una lunga altalena di polemiche, lo scorso 1 ottobre.

Chieti:

Per quanto riguarda Chieti, dove al primo turno l’affluenza totale aveva raggiunto il 67,87%, Fabrizio Di Stefano aveva raggiunto il 38,8% di preferenze, Pietro Diego Ferrara il 21,5%.

Al ballottaggio solo Ferrara si è ufficialmente apparentato con le liste civiche di Paolo De Cesare, incassando comunque anche il sostegno del M5S con Luca Amicone e della lista Azione Democratica (che correva con Bruno Di Iorio). Di Stefano non si è ufficialmente apparentato con nessuno, ma ha ottenuto il sostegno annunciato della lista Forza Chieti, promossa dall’assessore regionale teatino Mauro Febbo (che appoggiava proprio l’ex candidato Di Iorio).