Scuola L’Aquila, mascherine finite e niente prescuola: genitori in difficoltà

La scuola non decolla: a L'Aquila mascherine finite e niente prescuola per la mancanza di personale. Lo sfogo dei genitori.

“Ci avevano assicurato che la scuola avrebbe fornito le mascherine e a una settimana dall’inizio sono già finite. Ovviamente non si trovano in giro e non vogliono quelle di stoffa”.

Questo lo sfogo riportato alla redazione, da un gruppo di genitori della scuola elementare di Santa Barbara all’Aquila dove, da qualche giorno, sono già finite le mascherine fornite agli studenti dai 6 anni in poi ed è stato chiesto di portarle da casa.

Un problema che, a quanto pare, non riguarda solo la scuola elementare di Santa Barbara ma diversi plessi della città e dell’hinterland.

“La scuola è il posto più sicuro: ci sono operatori formati, il distanziamento, ci sono le mascherine, al momento ne sono state inviate 94 milioni”, aveva detto qualche giorno fa il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina a Rainews.

E invece, a 10 giorni dal suono della prima campanella post Covid a L’Aquila le mascherine sono finite. “Anche volendole comprare non riusciamo a trovarle a misura, né le chirurgiche, né quelle sterili – spiega una mamma sentita dal Capoluogo -. Potremmo ovviare con quelle di stoffa ma ci è stato detto che non vanno bene perchè non sono igieniche. Secondo la scuola i nostri figli devono venire ogni giorno con almeno 2 mascherine, una da portare fino all’ingresso e una da mettere in classe“.

Una spesa che mette in difficoltà qualche famiglia, dal momento che un pacco da 10 mascherine costa anche 14 euro. Mascherine che non sono comunque a misura e se arrotolate dietro l’orecchio diventando troppo strette. A questo, va aggiunto, un’altra serie di richieste “per prevenire il Covid”, che per qualche genitore, “rasenta l’assurdo”.

“Non solo i libri, abbiamo dovuto plastificare anche i quaderni perchè se cadono a terra vanno igienizzati, Dove sta scritto che un quaderno per terra possa essere veicolo per il Covid? Stiamo davvero esagerando, la scuola è diventata una specie di caserma, ma i nostri figli sono solo dei bambini e non posso essere militarizzati“.

La scuola quest’anno sembra non riuscire a decollare, non solo per le problematiche legate al Covid: mancano i banchi in tante scuole della città, gli insegnanti, il sostegno e in alcuni casi anche il personale, motivo per cui almeno a Santa Barbara non partirà il prescuola lunedì 5 ottobre.

Senza banchi e seduti per terra: la situazione nelle scuole a L’Aquila

L’Aquila, ancora niente pre e interscuola: mancano le insegnanti

“Va bene – aggiunge una mamma – le mascherine sono finite ma per il prescuola come facciamo? Per noi genitori che lavoriamo è fondamentale questo servizio per poter arrivare in orario sul posto di lavoro. Chi non ha i nonni cosa deve fare? Lo sanno che in caso la baby sitter costa? Parliamo del futuro e della serenità non solo nostra ma soprattutto dei nostri bambini che già hanno patito tutte le difficoltà legate alla pandemia: perchè rendere la scuola un posto opprimente?”.