Walter Di Bastiano, il dottore va in pensione dopo 40 anni di carriera

Una vita in sala operatoria, l'ultimo giorno non poteva essere molto diverso. Il dottor Walter Di Bastiano va in pensione. IL 30 settembre l'ultimo giorno in ospedale, dopo 40 anni di attività.

Una vita in sala operatoria, l’ultimo giorno non poteva essere diverso. “Ho operato 11 pazienti per l’intera mattinata, poi sono andato nel mio studio”. L’ospedale di Avezzano saluta Walter Di Bastiano, Primario del Reparto di Oculistica al San Filippo e Nicola, per 40 anni punto di riferimento dei pazienti dell’intero territorio e non solo.

All’età di 67 anni e con ancora tanta voglia di lavorare, Walter Di Bastiano va in pensione. Non avrebbe mai pensato che l’ultimo giorno di lavoro avrebbe indossato non solo il camice e i guanti, ma tutti i dispositivi di protezione individuale che ogni medico veste ogni giorno, varcando la porta dell’ospedale. Una semplice cena per salutare i colleghi, perché di più con il Covid non si può.

Quali sono le emozioni dell’ultimo giorno? 

“Quelle di chi ha avuto una giornata piena, per fortuna. Undici interventi e ora altri appuntamenti. Sono ufficialmente in pensione, ma il mio lavoro non finisce qui“.

L’ospedale di Avezzano, dove il dottor Di Bastiano ha diretto per anni l’Unità Operativa Complessa di Oculistica, vanta ogni anno circa 20mila prestazione effettuate.

Il bilancio viene fatto il 13 dicembre, non a caso, “nella giornata in cui ricorre Santa Lucia, la protettrice della vista.  Nell’occasione facciamo sempre una bella festa: oltre a tracciare i numeri dell’attività svolta in reparto, ne approfittiamo per trascorrere un momento insieme e farci gli auguri di buon Natale. Speriamo che questa tradizione trovi continuità”, spiega Di Bastiano.

Si potrà ancora essere operati dal dottor Di Bastiano? 

“Sì sarò ancora a disposizione. Personalmente avrò più tempo libero, da dedicare alla mia famiglia, moglie, figli, nipoti, trascurati troppo nel tempo per motivi di lavoro. Continuerò, comunque, la mia attività privata e sicuramente potrò operare, in regime di convenzione, in alcune strutture private di Avezzano e dintorni“.

Si era profilata anche la possibilità che il dottor Di Bastiano prolungasse la sua attività lavorativa. Poi, però, le cose sono andate diversamente.

“Avevo anche fatto richiesta di una proroga – consentita dalla Legge – considerando l’attuale situazione di emergenza sanitaria. Una proroga che si poteva concedere a discrezione della direzione strategica. Per la mia richiesta, così come per le altre richieste avanzate di questo tipo, tuttavia, la Direzione aziendale ha deciso di non concedere proroga alcuna. Una decisione che ho accettato, ma che personalmente faccio fatica a condividere. Credo sia un errore per il territorio, per le persone e per le professionalità: ricordiamo che in questo preciso momento storico è tutto fermo, inclusi gli atti aziendali, e non c’è possibilità di fare concorsi“.

Un vuoto professionale difficilmente sostituibile, almeno non in tempi brevi.

Walter Di Bastiano lavora all’Ospedale di Avezzano da 40 anni.

Laureato in Medicina con 110 e Lode all’Università Sapienza di Roma, specializzato con 70 e Lode all’Università Cattolica. Una carriera partita da lontano che lo ha portato nelle maggiori città europee per corsi e convegni. Arrivando anche negli Stati Uniti, sempre per ragioni professionali e visionando centri di eccellenza medico-oculistica mondiali.

“Ho sempre cercato di migliorare la mia professionalità. Non sono mai rimasto fermo”.

Ricordiamo che Di Bastiano è Capo Dipartimento Chirurgico, oltre che Primario di Oculistica. Come valuta Walter Di Bastiano l’operazione più grande della sua vita, quella di una attività medica quarantennale e piena di soddisfazioni?

“Penso di aver avuto nella mia vita molto più di quanto mi aspettassi. Se mi avessero detto anni fa, quando ho cominciato a lavorare il 10 agosto 1980, che avrei fatto tutto questo, raggiungendo simili livelli, avrei risposto: ‘Non ce la farò mai’. E invece sono arrivato fin qui e ne sono profondamente felice. Penso di aver fatto il massimo: tutto quanto fosse possibile e forse anche qualcosa di impossibile”.

La pensione arriva prima che sia pronto il nuovo Ospedale di Avezzano…

“Lo aspettiamo tutti, onestamente. Lo vedrò come paziente…anzi speriamo di no” scherza Di Bastiano, che poi assicura. “Una cosa è certa: vigilerò sulla Sanità marsicana, affinché non venga defraudata di ulteriori servizi. Sarò in prima linea per promuovere miglioramenti nelle strutture sanitarie, come meritano tutti i cittadini del nostro territorio”.