Urbanistica, modifiche più veloci: il Consiglio regionale d’Abruzzo approva

Urbanistica e semplificazioni, il progetto di legge sbarca in Consiglio regionale. I lavori in Aula.

L’AQUILA – Urbanistica e modifiche più rapide, il Consiglio regionale approva il progetto di legge.

Dopo i passaggi in commissione, approvato anche in Consiglio regionale il progetto di legge: “Modifiche ed integrazioni alle leggi regionali n. 18/1983 e n. 11/1999 e misure urgenti e temporanee di semplificazione in materia urbanistica”, con gli emendamenti presentati dalla stessa maggioranza e dall’opposizione. “Abbiamo rispettato l’auspicio del presidente Sospiri – ha sottolineato il consigliere Antonio Blasioli – presentando 20 emendamenti nel merito, per cui si chiede una riflessione seria da parte della maggioranza”.

Prima dell’interruzione per la valutazione degli emendamenti, l’illustrazione del provvedimento da parte dell’assessore Nicola Campitelli: “Questa norma non è una revisione del testo unico in materia di urbanistica, ma è una norma di semplificazione che sburocratizza e dà tempi certi, venendo incontro alle esigenze del tessuto economico del territorio. Il Pdl – ha precisato l’assessore – consente piccole modifiche ai piani regolatori, senza considerarle varianti. Nessuna deroga che diventa regola”. L’assessore ha poi illustrato gli articoli caratterizzanti, che però preoccupano l’opposizione che considera il pdl a forte rischio di “deregolamentazione” degli strumenti urbanistici, con riflessi sulla “cementificazione”.

Al rientro in Aula, l’Assise regionale ha bocciato gli emendamenti dell’opposizione (tranne poche eccezioni), approvando quelli portati dalla maggioranza, alcuni dei quali a seguito delle audizioni in Commissione. La legge è stata quindi approvata con i voti del centrodestra.

Consiglio regionale, gli altri punti all’odg.

Il Consiglio regionale ha prima affrontato diverse interpellanze: “Ambulanza donata alla ASL 1 Avezzano – Sulmona – L’Aquila dal gruppo consiliare Movimento 5 Stelle”; “Adempimenti di Regione e Arta per consentire caratterizzazione e conseguente bonifica della discarica di Bussi”; “Audit di Cardiochirurgia del Presidio Ospedaliero SS. Annunziata di Chieti”; “Covid Hospital – ex Palazzina IVAP”; “Affidamento esterno dei sistemi informativi per la presa in carico e per la gestione dell’emergenza Coronavirus”; “Provvedimenti del Governo regionale in merito all’aumento del numero di contagi da Coronavirus in Valle Peligna”. All’ultimo punto dell’ordine del giorno è prevista la votazione sulla risoluzione “Progressioni verticali personale di ruolo della Giunta regionale ai sensi della Legge Madia.

Consiglio regionale, le dichiarazioni di Roberto Santangelo

“Nel corpo della legge regionale approvata oggi, la n. 135/2020 che modifica e integra le leggi nn. 18/1983 e 11/1999 in materia urbanistica, è stato inserito e approvato un mio emendamento con il quale si regolamenta le strutture e i manufatti temporanei costruiti a seguito dei terremoti.” Lo rende noto Roberto Santangelo, vice presidente del Consiglio regionale.

“Finalmente i Comuni delle aree dei crateri sismici 2009 e 2016, nella propria podestà pianificatoria e regolamentare potranno adeguare i rispettivi strumenti urbanistici, anche in deroga al limite di dimensionamento dei piani, al fine di ricomprendere in aree edificabili i lotti interessati da strutture e manufatti temporanei realizzati a seguito degli eventi sismici a condizione che gli stessi siano conformi ai titoli autorizzativi e/o comunicazioni previsti dalla normativa emergenziale emanata a seguito degli eventi sismici.”

“Abbiamo fornito un primo atto d’indirizzo che mette un punto fermo per disciplinare una questione che si trascina ormai da troppo tempo e che premia chi ha scelto di continuare a vivere in questi territori profondamente colpiti senza abbandonarli, ma è rimasto caparbiamente attaccato alle propri radici.”