Asl 1, l’odissea del pagamento ticket online: “Si fa prima ad andare di persona”

Asl 1 Avezzano Sulmona L'Aquila, pagamento online dei ticket: "Buona idea, ma non si capisce come fare. Così diventa un servizio inutile".

L’AQUILA – Prova ad effettuare il pagamento del ticket online, ma è un’odissea: “Così è inutile”. La segnalazione a #dilloalcapoluogo.

“La notizia della possibilità di un pagamento online che ci possa evitare interminabili file e pericolose vicinanze in questo particolare periodo storico è davvero entusiasmante. Sto parlando del pagamento ticket online della ASL 01 L’Aquila, Avezzano, Sulmona”. Inizia così la segnalazione di un lettore a #dilloalcapoluogo. “È sabato, – racconta il lettore – come tutti ho lavorato durante la settimana e decido quindi di usufruire di questo innovativo servizio, vado a leggere gli articoli relativi e mi armo, fiducioso, della carta di credito che regolarmente uso per tutti gli acquisti online. ‘Accedere al nuovo servizio telematico è facile. Basta collegarsi al sito della Asl, www.asl1abruzzo.it e cliccare sulla voce “Pagamenti on-line’ (a destra sulla home page): si aprirà il portale dedicato ai servizi on-line del Cup (Centro unico di prenotazione) della Asl. Una volta comunicato il proprio indirizzo e-mail, si riceve il memorandum della prenotazione con i codici necessari all’utilizzo dei servizi forniti dal portale, ovvero numero identificativo della prenotazione, codice pin e codice fiscale’. Tutto chiaro? Beh, direi proprio di no“.

Ed è qui che inizia l’odissea: “A chi devo comunicare il mio indirizzo e-mail? Al numero verde?  Al modulo generico di contatto?  All’indirizzo PEC della ASL? Vabbeh, clicco speranzoso che qualcosa succederà ed entro nella pagina del pagamento online.  Anche qui nessuna istruzione, nessuna indicazione su chi dovrebbe inviarmi il pin. Continuo ancora più speranzoso, voglio pagare il ticket e clicco su PAGA. Entro in una pagina con i riquadri di C.F., Numero di Prenotazione, PIN. Sicuramente la Ricetta del medico mi darà le risposte, la prendo ma mi accorgo subito che le informazioni non ribattono. Ovvero, qual è il numero di prenotazione? Sarà il codice a barre? Entrambi i numeri del codice a barre, o uno solo dei due? Forse quel buffo numeretto a fianco alla prestazione richiesta? Qualche altro numero che non conosco?  Provo a mettere numeri a caso, ma ovviamente… nulla.  E il PIN? Chi me lo deve dare? Pensavo di trovare su questa pagina qualche indicazione, ma… nulla.  Ultima spiaggia: Google. Digito “Istruzioni per il pagamento online ticket ASL 01 L’Aquila”, ancora niente. Solo i due soliti articoli di cui quello della ASL si sbrodola in inutili parole per tutta la prima metà”.

Da qui la sconsolata conclusione: “Ok, è un servizio inutile! L’unica cosa da fare è passare il lunedì al più vicino sportello per pagare alla vecchia maniera, armato di mascherina, contanti in mano e una buona dose di pazienza. Mi sorge però una domanda: perché le buone idee non vengono affidate a professionisti che le facciano funzionare, facendo i test non solo tecnici e autoreferenziali ma anche di comprensibilità per le persone comuni?”.