Quantcast

Scuola post Covid, serve più personale ATA per le sanificazioni

Il difficile equilibrio tra nuovi docenti e nuovo personale ATA con i 34 milioni di euro per l'organico aggiuntivo. Ambiti territoriali e dirigenti scolastici al lavoro.

L’AQUILA – Organico aggiuntivo per la riapertura scuola, il difficile “equilibrio” tra docenti e personale ATA.

Sono 34 milioni di euro i fondi messi a disposizione dal Ministero per l’organico in più da assumere per esigenze legate alle misure anti Covid 19. Come sottolineato dal direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale, Antonella Tozza, durante la conferenza stampa a Palazzo Silone per la presentazione delle mascherine colorate per gli alunni di scuole elementari e medie, gli Ambiti territoriali e i dirigenti scolastici sono in continuo confronto per gestire al meglio il personale aggiuntivo: “È evidente – ha sottolineato la dottoressa Tozza – che se in una scuola si sono fatti interventi di divisione delle aule, serviranno più docenti, e viceversa; ad ogni modo sicuramente servirà più personale ATA, per le sanificazioni degli ambienti ma sono sicura che riusciremo ad avere tutto il personale necessario”.

antonella tozza

“Fin da subito – ha aggiunto la dottorezza Tozza – abbiamo lavorato ai tavoli regionali e provinciali, in sinergia con gli enti locali che hanno avviato tantissimi lavori di edilizia scolastice e molti sono già terminati. Tutte le tessere del puzzle si stanno mettendo a posto. Dal Ministero sono arrivati 34 milioni in più per l’organico aggiuntivo, quindi le operazioni di avvio si stanno svolgendo in piena regola. Non vedo situazioni difficili, ma evidentemente dobbiamo essere accorti, perché il virus è subdolo ed è tra noi; invito a rispettare con disciplina le regole del protocollo di sicurezza”.