Giornata per la prevenzione del suicidio, il “fattore Covid” moltiplica le solitudini

Il suicidio e i tabù da superare nella pandemia che moltiplica isolamento sociale e solitudini. L'intervista alla dottoressa Chiara Gioia.

Il 10 settembre è la Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio. Cause e attività di prevenzione al tempo del Covid 19 con la dottoressa Chiara Gioia.

Da marzo a oggi in Italia si sono registrati 71 suicidi e 46 tentati suicidi, presumibilmente correlati a Covid-19, a fronte di un numero di suicidi per crisi economica che nello stesso periodo del 2019 si attestava a 44 e quello dei tentati suicidi a 42. Lo segnalano gli psichiatri al Convegno Internazionale sulle tematiche legate al suicidio, organizzato dalla Sapienza Università di Roma, in occasione della Giornata Mondiale per la prevenzione del suicidio del 10 settembre. Ma il Covid 19, con il suo corredo di “isolamento”, è solo uno dei tanti fattori che possono essere ritenuti “cavatappi” rispetto a quelle problematiche che possono avere esiti tragici rispetto al suicidio.

“Il suicidio – spiega a IlCapoluogo.it la psicologa e psicoterapeuta Chiara Gioia – nel mondo rappresenta la terza causa più frequente di morte. Dal punto di vista psicologico, il suicidio viene considerato rispetto agli enigmi sulla vita, la sofferenza, sul “valerne la pena” rispetto alla vita in un momento particolarmente difficile, ma non è un ‘atto improvviso’, come spesso appare dalle cronache. Occorre tener presente che il nostro mondo intrapsichico è come se fosse abitato da ‘personaggi’ normalmente in equilibrio tra loro. Nel momento in cui la realtà concreta non è più in sintonia con questo mondo interiore si possono generare disagi, più o meno gravi”. In concreto, possono essere disagi economici, lutti (intesi in senso stretto o lato, come lutti per una separazione) e altri i “fattori scatenanti” rispetto però a un disagio interiore già in atto.

Capitolo a parte per le problematiche legate al Covid 19: “Al momento c’è una tempistica che non ci permette di effettuare correlazioni scientifiche definitive, ma è chiaro che certi dati del Convegno Internazionale sono significativi. Proviamo a pensare a quella prima infermiera che si era suicidata, pensiamo alla sofferenza che già il personale sanitario è abituato vivere quotidianamente, è chiaro che la pandemia ha assunto ruolo di ‘cavatappi’ rispetto ai disagi accumulati nel tempo. Dal punto di vista psicologico, inoltre, il Coronavirus ha portato all’amplificazione della solitudine e dell’isolamento sociale“.

Solo la prevenzione, quindi, può contrastare un fenomeno che in un periodo di pandemia rischia di aggravarsi: “Purtroppo il suicidio è considerato ancora un concetto tabù, in quanto esito tragico di una sofferenza mentale e psicologica; dobbiamo aiutare tutti a comprendere che tutto si può dire e tutto si può affrontare nel modo giusto. Ci sono figure professionali competenti che possono guidare la persona nel proprio mondo intrapsichico. La prevenzione su larga scala è possibile nel momento in cui il ruolo dello psicologo non viene associato a un ‘malato di mente’, ma come un supporto per tutti, al di là del potenziale problema critico”.