Quantcast

Morte Gianluca Spuches, presentato esposto in procura: la moglie “Cercate l’auto in fuga”

Diventa un caso l'incidente mortale avvenuto a Luco dei Marsi, in cui ha perso la vita Gianluca Spuches, 48enne di Civitella Roveto. I familiari presentano un esposto in Procura "C'è una seconda auto coinvolta"

La morte di Gianluca Spuches, 48enne muratore di Civitella Roveto, diventa un caso. Potrebbe esserci una seconda vettura, fuggita, coinvolta nell’incidente mortale avvenuto a Luco dei Marsi. La moglie della vittima: “Rintracciate l’auto in fuga”.

Presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Avezzano, con 8 foto allegate. La tesi sostenuta dalla famiglia di Gianluca Spuches – che ha lasciato una moglie e due figli – è che un’auto abbia invaso la corsia opposta, causando la sbadata della Mini Minor della vittima, alla guida.

Civitella Roveto piange Gianluca Spuches, morto nell’incidente a Luco dei Marsi

A bordo con Gianluca Spuches un suo amico, P.G., che ha riportato conseguenze non gravi dallo schianto.

A sostegno della tesi ci sarebbero sull’asfalto, nel luogo dell’incidente fuori Luco dei Marsi, i segni di una frenata. Nella mattinata di ieri – come riporta Il Centro – la moglie di Spuches, Kistova Elena Venelinova, di origini bulgare, ha presentato una denuncia querela al sostituto procuratore di Avezzano, Ugo Timpano. Vuole che venga rintracciata questa seconda auto, per far sì che sia fatta luce sull’accaduto fatale.

La vittima è assistita dall’avvocato Berardino Terra.  Nell’esposto viene specificato come, in virtù di queste tracce di pneumatici di un veicolo in frenata, “che invadono la corsia di marcia dell’auto condotta da mio marito, il giorno dell’incidente“, si ritenga che lo stesso incidente “si sia verificato per responsabilità di terzi“.

La richiesta della donna, inoltre, è anche quella di incaricare un tecnico esperto che ricostruisca l’esatta dinamica dell’incidente e chiede, infine, di verificare l’eventuale presenza di telecamere a circuito chiuso che possano aver ripreso un’altra auto, in transito all’ora dello schianto, l’una e quaranta del mattino.