Elezioni Chieti, D’Eramo bacchetta Febbo: “Se in Regione le cose non vanno, si dimetta”

La campagna elettorale a Chieti complica i rapporti nel centrodestra in Regione. D'Eramo a Febbo e Zappacosta: "Se le cose non vanno bene, si dimettano".

Elezioni a Chieti, s’infiamma la campagna elettorale. Rischio ripercussioni in Regione. D’Eramo a Febbo e Zappacosta: “Se le cose non vanno bene si dimettano”.

“Dopo l’assurda presa di posizione dell’assessore regionale Mauro Febbo, autosospesosi da Forza Italia pur di non sostenere il candidato del centrodestra a Chieti, Fabrizio Di Stefano, pensavamo di averle viste tutte.Evidentemente ci siamo sbagliati”. Lo afferma in una nota il coordinatore regionale della Lega Abruzzo, Luigi D’Eramo, alla luce della presentazione delle liste del candidato sindaco Bruno Di Iorio, appoggiato, appunto, anche da Febbo in una singolare alleanza con componenti del centrosinistra. Prosegue il deputato leghista: “Nel corso della presentazione c’è stato un dirigente regionale, Giancarlo Zappacosta, responsabile del Servizio Beni e Attività culturali, che, svestiti i panni del tecnico al servizio della collettività e dell’ente per cui presta la sua opera, si è lanciato in elogi sperticati nei confronti di Febbo, definito, addirittura, come ‘l’unico che lavora in Regione e che spesso deve occuparsi di cose che non gli competono perché altri non lo fanno’. La Lega – incalza D’Eramo – ritiene intollerabile una tale presa di posizione, non veritiera e assolutamente offensiva nei confronti degli altri assessori e del personale tutto dell’ente. Se Febbo, componente dell’esecutivo regionale e Zappacosta, suo fido dirigente, ritengono che in Regione Abruzzo le cose non vanno come dovrebbero, si dimettano immediatamente dai loro rispettivi incarichi e, allora sì con piena legittimazione, si occupino solo di politica proponendosi come alternativa all’attuale maggioranza”.

“Non è ammissibile che un componente della giunta possa schierarsi contro la sua stessa maggioranza e, per di più, avallando una simile presa di posizione da parte di un dirigente del suo settore. E basta anche con le pantomime di circostanza: Forza Italia prenda atto che non è sufficiente una sospensione dal partito per giustificare il ‘liberi tutti’. La Lega annuncia fin d’ora che, a prescindere dall’esito elettorale, chiederà che la vicenda venga esaminata ai massimi livelli in Regione” conclude il segretario regionale del Carroccio.