Incendi L’Aquila, ancora fiamme ad Arischia: partono i sopralluoghi

Fumo tra i boschi di Monte Pettino, i pericoli arrivano dal sottobosco: elicottero in azione e situazione sotto controllo. Un focolaio si è riacceso ad Arischia, in quota, verso Passo delle Capannelle.

Incendi L’Aquila, la situazione continua ad essere sotto controllo. Si aspetta ancora la pioggia per scongiurare, definitivamente, gli ultimi pericoli di focolaio. Attualmente i problemi più grandi arrivano dal sottobosco. Intanto un focolaio ha ripreso ad Arischia, in zona Passo delle Capannelle.

Solo la pioggia abbondante, facendo penetrare in profondità l’acqua nel sottobosco, potrà scongiurare ogni pericolo. Piccole colonne di fumo, rialzatesi su Monte Pettino e, in particolare, in via Francia, hanno spaventato la popolazione. Sulla terra bruciata resta alto il pericolo che si riaccendano focolai. Sul posto, tuttavia, è arrivato l’elicottero regionale, che, in breve, è riuscito a spegnere le fiamme.

monte pettino

In foto Monte Pettino

 

Sul fronte Arischia, invece, opera un Canadair che continua con i lanci di acqua. Il fuoco sta interessando la zona più alta, nelle vicinanze del passo delle Capannelle.

Incendi: iniziati sopralluoghi nelle aree colpite dalle fiamme

Il Comune, intanto, informa che questa mattina si è tenuta una riunione con Regione, Protezione civile, Vigili del Fuoco, Alpini del IX reggimento e Comune di Pizzoli

Si svolgeranno questo pomeriggio, sia nel territorio di Arischia sia in quello di Cansatessa-Pettino, i sopralluoghi richiesti dal Comune dell’Aquila alla Regione Abruzzo per valutare lo stato delle aree colpite dagli incendi dei giorni scorsi.

È il primo obiettivo ottenuto all’esito della riunione convocata dal sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, a cui questa mattina hanno partecipato anche il vice presidente della Regione Abruzzo, Emanuele Imprudente, l’assessore comunale Carla Mannetti, il sindaco di Pizzoli, Gianni Anastasio, rappresentanti della Protezione civile regionale, Vigili del fuoco, Alpini del IX reggimento dell’Aquila.

“I sopralluoghi, disposti dal Genio civile, sono finalizzati alla pianificazione degli interventi di somma urgenza per la salvaguardia dei luoghi. Un’attività che si è resa possibile grazie alla disponibilità del vice presidente Imprudente che ha immediatamente attivato gli uffici e le strutture competenti. – spiega il sindaco Biondi – Comune e Regione stanno collaborando per adottare tutte le misure necessarie alla bonifica dei territori e la salvaguardia della pubblica incolumità. Obiettivo che stiamo perseguendo sia il tavolo di questa mattina sia con il quello già attivato con Gsa, Università e Protezione civile sul dissesto idrogeologico. Superata l’emergenza occorre intervenire con celerità e il nostro ringraziamento va a Regione, Protezione civile, Vigili del fuoco e Alpini per aver raccolto il nostro invito a riunirsi per pianificare un’azione coordinata e sinergica a tutela delle aree funestate dalle fiamme e della comunità aquilana”.