San Salvatore, la denuncia: “Io, disabile, costretto a parcheggiare fuori e trascinarmi in reparto”

"Michiamo Claudio e sono un disabile in carrozzina, a causa della sclerosi multipla. Al San Salvatore, però, mi viene negato l'accesso in auto". La denuncia.

“Mi chiamo Claudio e sono un disabile in carrozzina, a causa della sclerosi multipla. Al San Salvatore, però, mi viene negato l’accesso in auto”. La denuncia di un lettore.

Alla redazione del Capoluogo la segnalazione proveniente direttamente dall’ospedale San Salvatore dell’Aquila.

“Mi reco all’ospedale San Salvatore (AQ) per effettuare le terapie necessarie a rallentare il decorso della mia malattia, ma l’ospedale – malgrado l’impossibilità a camminare – mi nega l’accesso con l’automobile: pretendendo che parcheggi fuori, scarichi la carrozzina (impossibile parcheggiando a spina di pesce) e mi autospinga fino al reparto. Cosa veramente faticosissima”.

Questa l’impresa del lettore, che lamenta alla nostra redazione pesanti disagi, ogni qualvolta si ritrovi a dover raggiungere il reparto ospedaliero, per le terapie.

“Mi recherò anche oggi al San Salvatore per fare le analisi e la risonanza di controllo ed il problema si ripeterà. Costringendomi a rinunciare definitivamente alle cure a cui ho diritto, perché il San Salvatore non è in grado di assicurarmi un adeguato accesso in ospedale. Questa volta, però, ad un ennesimo rifiuto d’accesso chiamerò e mi rivolgerò alle forze  dell’ordine”.

“Dillo al Capoluogo” è la rubrica in cui potete raccontare tutto quello che non va attraverso il tradizionale indirizzo di posta elettronica: ilcapoluogo@gmail.com oppure attraverso il servizio di messaggistica WhatsApp (392 6758413) o ancora tramite la pagina Facebook -IL CAPOLUOGO D’ABRUZZO.