Quantcast

Picchiarono disabile, baby gang a processo

Inizia il processo per la baby gang composta da giovanissimi che aveva seminato il panico fuori le scuole e i locali notturni della città.

A processo la baby gang che a L’Aquila aveva seminato il terrore in centro storico, fuori le scuole e vicino i locali della movida.

Una baby gang senza scrupoli anche nei confronti di persone in difficoltà tanto che avrebbero rapinato e picchiato anche un ragazzo disabile.

Poi c’è stata l’aggressione a 2 fratelli fuori dall’Istituto Itis a Colle Sapone, talmente feroce che una studentessa testimone era stata costretta a rivolgere lo sguardo altrove per non restare impressionata: il cane portato a guinzaglio preso a calci nello stomaco, mentre i due ragazzi selvaggiamente picchiati avevano riportato fratture e lesioni al naso e al volto.

La baby gang è composta da 5 giovanissimi, alcuni aquilani, altri albanesi ma residenti nel capoluogo, con un’età compresa tra 20 e 24 anni.

Il Gip Giuseppe Romano Gargarella come riporta Il Messaggero, nel firmare 4 ordinanze cautelari (2 in carcere e 2 ai domiciliari) aveva evidenziato come il gruppo avesse agito senza scrupoli verso i minori aggrediti.

Gli indagati sono assistiti dagli avvocati Gian Luca Totani, Carla Mannetti, e Francesco Valentini.