Emergenza Poesia, Nu pianefforte ’e notte

Uno dei poeti dialettali più amati fu Salvatore Di Giacomo: la sua è una tra le più alte forme di poesia della seconda metà dell’Ottocento. Lo spunto di Alessandra Prospero per Poesia in Emergenza

Emergenza Poesia, Nu pianefforte ’e notte

 

Nu pianefforte ’e notte
sona luntanamente,
e ’a museca se sente
pe ll’aria suspirà.
È ll’una: dorme ’o vico
ncopp’ a sta nonna nonna
’e nu mutivo antico
’e tanto tiempo fa.
Dio, quanta stelle ncielo!
Che luna! E c’aria doce!
Quanto na bella voce
vurrìa sentì cantà!
Ma sulitario e lento
more ’o mutivo antico;
se fa cchiù cupo ‘o vico
dint’a ll’oscurità..
Ll’anema mia surtanto
rummane a sta fenesta.
Aspetta ancora. E resta,
ncantànnose, a penzà.

“Pianefforte ’e notte” di Salvatore Di Giacomo

In alcuni miei articoli ho definito il dialetto come “disseppellimento ontologico”: questa infatti è la sua valenza più evidente. Uno dei poeti dialettali più amati fu Salvatore Di Giacomo, il quale, nato a Napoli nel 1860, si diede presto al giornalismo. Amava osservare, anche la corruzione dolorosa della vita napoletana, poiché in ogni cosa cercava la carica umana, che poi consegnava alle note degli altri: molti suoi testi furono musicati infatti e divennero celebri, veri e propri capisaldi della cultura popolare partenopea. La sua è una tra le più alte forme di poesia della seconda metà dell’Ottocento: anche quando descrive situazioni malinconiche e ambienti grigi e sfumati, ci restituisce un mondo palpitante e meravigliosi scenari naturali.