L’Aquila, movida Covid free: prevenire è meglio che curare

Controlli durante la movida nel centro storico aquilano, si punta alla prevenzione.

L’AQUILA – Controlli sulla movida, parola d’ordine: prevenzione.

Nessun blitz a sorpresa per “stanare” chi non porta la mascherina o non segue le misure anti contagio, ma un’attività di controllo ben visibile finalizzata a scoraggiare atteggiamenti scorretti durante la cosiddetta movida. Sembra essere questo lo spirito con cui le forze dell’ordine stanno attuando controlli interforze durante le serate aquilane in centro storico. Come mostrano infatti alcune foto inviate in redazione da alcuni lettori, infatti, polizia, carabinieri, guardia di finanza e polizia municipale dalle prime ore della serata hanno presidiato i punti strategici del centro storico in maniera ben visibile, con l’obiettivo evidente della prevenzione.

movida controlli

Un obiettivo che ha come diretta conseguenza anche quello di evitare, per quanto possibile, azioni repressive che però si renderanno inevitabili qualora la presenza delle forze dell’ordine non scoraggi comportamenti scorretti. Fondamentale, infatti, in questo momento, non abbassare la guardia rispetto alle misure anti contagio: il virus non si ferma solo perché è estate e si ha voglia di divertirsi, il virus si ferma con il distanziamento e le mascherine usate correttamente.

Se non basterà l’evidente presenza di forze dell’ordine a sollecitare il buon senso e verrà meno l’obiettivo prevenzione, il passo successivo non potrà che essere quello della “repressione”. In fondo basta poco per godersi una bella serata in tranquillità nel centro storico dell’Aquila, perché rischiare di rovinarsela?

movida controlli