Cesacastina, notte al freddo per tre escursionisti

Escursionisti in difficoltà nel bosco, operazioni di soccorso fino a questa mattina.

Notte all’adiaccio nel bosco a Casacastina per tre escursionisti recuperati all’alba.

Le operazioni di soccorso si sono concluse soltanto questa mattina intorno alle 8:30, con l’ausilio anche dell’elicottero del 118 dell’Aquila, che si è diretto in prossimità di Cesacastina, nel teramano, e ha recuperato nel bosco tre escursionisti abruzzesi. Ieri sera infatti, intorno alle 20:00, è scattato l’allarme. Una donna ha allertato il 118 per conto dei tre, spiegando anche che, oltre alle difficoltà a procedere per la presenza di scarpate e salti anche di diversi metri, c’era stato un infortunio.

I tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico, una volta sul posto, hanno infatti constatato come uno dei tre escursionisti, che in discesa era caduto sbattendo la schiena, non avrebbe potuto procedere autonomamente, lamentava infatti dei dolori che gli impedivano anche di stare in piedi. Si è quindi reso necessario il trasporto in barella, effettuato dalla squadra di soccorso anche con l’ausilio delle corde per la presenza di importanti salti rocciosi. Una volta al sicuro e dopo essersi sincerati delle condizioni di salute non gravi dell’infortunato, i soccorritori hanno quindi allestito un bivacco in attesa dell’alba.

Nel frattempo una parte della squadra, a piedi, ha raggiunto il centro abitato più vicino. Lì una famiglia di Cervaro, frazione di Crognaleto, si è data da fare per rifornire i tecnici di cibo e bevande calde che sono serviti per rifocillare i tre escursionisti durante la notte.