Ricostruzione 2009, D’Eramo contro il Governo: “La Lega sta con i sindaci”

"Allarmante comportamento del governo, servono risposte urgenti", l'intervento del deputato aquilano della Lega, Luigi D'Eramo, per il cratere 2009.

L’intervento del deputato aquilano della Lega, Luigi D’Eramo, per il cratere 2009: “Allarmante comportamento del governo, servono risposte urgenti”.

“Il grido d’allarme dei sindaci del cratere sismico 2009 è molto preoccupante: il sistematico diniego alle proposte che arrivano sui fondi per la ricostruzione, per il personale, per lo sviluppo denota che il sisma aquilano è ormai uscito dall’agenda del governo in carica. Questa modalità non è accettabile”. Lo dice il coordinatore regionale della Lega Abruzzo, Luigi D’Eramo che scrive: “Si è riusciti ad eludere persino il monito del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, che ha sottolineato la priorità della ricostruzione. Preoccupa e stupisce che persino le proposte formulate da esponenti dell’attuale maggioranza di governo Pd-M5s vengano respinte, nonostante lo “spazio” normativo dei decreti in discussione sia ampio. A fine anno i fondi per la ricostruzione saranno terminati, i Comuni si troveranno sul lastrico e il personale, già sotto organico,rischierà di andare a casa”.

“È il momento di agire – prosegue D’Eramo – adesso vanno riprogrammate le risorse, adesso servono risposte chiare e senza infingimenti. La Lega farà il suo, continuando a pressare il governo affinché si superi questo pericoloso impasse e affiancherà i sindaci in qualsiasi iniziativa. Tutto ciò è intollerabile e inaccettabile per un territorio che attende ancora la sua rinascita, peraltro resa ancora più complessa dall’emergenza coronavirus”.