Twitter, quando lo smart working è per sempre

Twitter, la piattaforma di microblogging apre allo smart working. I dipendenti che lo vorranno potranno continuare a lavorare da remoto a tempo determinato. Diverse le decisioni di Facebook e Google

La svolta tecnologica nel post Coronavirus arriva da Twitter. La piattaforma social consentirà il lavoro da casa per tutti i dipendenti che lo vorranno, a tempo indeterminato.

Twitter intende consentire ai suoi dipendenti di lavorare da casa per sempre: almeno a coloro che possono effettuare le loro funzioni lontano dall’ufficio. Diversa, invece, la decisione di colossi informatici come Facebook e Google, che hanno permesso ai loro dipendenti di continuare con lo smart working per tutto il 2020. Sempre se lo desiderano.

Questo l’annuncio di Twitter: “Gli ultimi mesi hanno dimostrato che il lavoro da casa può funzionare. Se i nostri dipendenti sono in un ruolo e in una situazione che consente loro di lavorare da casa e se vogliono continuare a farlo per sempre lo renderemo possibile. Aprire gli uffici sarà una nostra decisione, quando e se i nostri dipendenti vogliono rientrare sarà loro“, mette in evidenza la società.

Se la strategia di Twitter avrà risvolti positivi sul lavoro dei dipendenti e, piùà in generale, sui risultati riportati dalla piattaforma, lo dirà solo il tempo, come ha sottolineato l’esperto di Social Media Marketing, Umberto Macchi.

“Dopo il lavoro a distanza forzato causa Covid19, la famosa piattaforma di microblogging consentirà a tutti i dipendenti di continuare a lavorare da remoto. La Big Tech è quindi d’accordo e favorevole a questa tipologia di lavoro. Vedremo con il tempo le decisioni che prenderanno i suoi dipendenti”.