Coronavirus L’Aquila, un nuovo caso dopo 2 mesi: è un operaio extracomunitario

Un nuovo caso positivo al Covid a L'Aquila dopo due mesi. Si tratta di un cittadino extracomunitario, operaio in un cantiere.

Un nuovo caso positivo al Coronavirus a L’Aquila, dopo due mesi. Si tratta di un cittadino extracomunitario, rientrato in città dal suo paese come operaio dei cantieri presenti sul territorio.

“Dopo oltre due mesi con segno zero, nella giornata di ieri si è verificato un nuovo caso di contagio nella città dell’Aquila. Si tratta di un cittadino extracomunitario, rientrato in città dal suo Paese come addetto in uno dei tanti cantieri edili presenti sul territorio. Il caso di positività è stato accertato grazie alle misure decise con ordinanza n. 71 del 30 aprile scorso che prevede, per tutti i lavoratori impegnati a vario titolo nella ricostruzione dell’Aquila, l’obbligatorietà al tampone”.

“D’intesa con il dipartimento di Prevenzione della nostra Asl, per il soggetto è stato disposto l’isolamento fiduciario domiciliare, congiuntamente ai suoi due coinquilini che comunque non presentano sintomi. Si tratta di un caso – è bene precisarlo – che non deve destare preoccupazione perché tutte le misure precauzionali previste sono state prontamente attivate”.

A darne notizia è il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi.