Terapia intensiva del San Salvatore, continua la gara di solidarietà

Donazione a favore della Terapia Intensiva del San Salvatore, raccolta fondi dell'associazione V.A.Do.

Donazione alla Terapia Intensiva del San Salvatore, raccolta fondi dell’associazione V.A.Do.

Continua la gara di solidarietà a favore della ASL Avezzano-Sulmona-L’Aquila a seguito della pandemia COVID. L’associazione V.A.Do. onlus si è fatta promotrice di una raccolta fondi che ha permesso l’acquisto di una importante apparecchiatura per la gestione di problemi di coagulazione nell’ambito della Anestesia e della Rianimazione. All’acquisto hanno contribuito i dipendenti dell’Azienda Farmaceutica Merck Sharp & Dohme Italia con un contributo di 8000 euro e la BPER S.p.A. (Banca Popolare Emilia Romagna) con un contributo di 10000 euro. L’Associazione V.A.Do. onlus, attiva all’interno dell’Hospice Casa Margherita dell’Ex ONPI dell’Aquila, ha già effettuato diverse donazioni alla ASL ed è parte di un consorzio di privati che contribuirà alla ristrutturazione e implementazione della Terapia Intensiva polivalente del San Salvatore.

“Siamo molto grati ai dipendenti della MSD Italia e a BPER – hanno affermato il Prof. Franco Marinangeli, Direttore della UOC di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale San Salvatore, e il Dott. Antonello Ciccone, Responsabile della UOS di Terapia Intensiva – perché questa apparecchiatura rappresenta una importante innovazione tecnologica all’interno della Terapia Intensiva, e stante le innumerevoli necessità che ci sono nei reparti ospedalieri è difficile avere soddisfatte tutte le richieste fatte alla governance aziendale. Il sostegno dei privati, quindi, in questo momento è veramente prezioso”. Soddisfazione  per la partecipazione “della società civile” alla riorganizzazione della sanità anche da parte del manager della  ASL, Dott. Roberto Testa, che ha ringraziato ufficialmente l’Associazione V.A.Do. per essersi fatta promotrice dell’iniziativa.