La ministra Azzolina a L’Aquila: “Nessuno studente rimarrà fuori dalla scuola”

La ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina a L'Aquila per il tavolo regionale della scuola: obiettivo la riapertura in presenza a settembre.

La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina a L’Aquila per il tavolo regionale della scuola.

“Nessuno studente rimarrà fuori dalla scuola”, la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, a L’Aquila per partecipare al Tavolo regionale per la ripresa della scuola di settembre, bolla come “fake news” l’allarme lanciato da Matteo Salvini sul rischio esclusione per 26mila studenti abruzzesi. “La scuola – ha sottolineato la ministra – non è una lotteria e nessuno rimarrà fuori”.

azzolina scuola l'aquila

“Questo governo – ha preseguito la ministra – finalmente investe sulla scuola. Abbiamo bandito concorsi per 80mila posti e quest’estate ci sarà comunque la consueta immissione in ruolo dei docenti”.

azzolina scuola l'aquila

Per quanto riguarda la riapertura delle scuole, si lavora per la riapertura a settembre: “L’anno scolastico – ha dichiarato la ministra Azzolina – inizierà con una scuola migliore, più nuova rispetto a quella che abituati. Peròò abbiamo dovere di realizzare ambienti che portino innovazone didattica e cercare altri spazi. Obiettivo ripartenze è di tutto il paese. Riporteremo tutti gli alunni a scuola. il 1° per recuperi e 14 settembre inizio”.

azzolina l'aquila biondi

Prima del tavolo regionale, la ministra è stata a Collesapone, per visitare la stele posata in ricordo del personale scolastico e degli studenti deceduti nel corso del sisma del 2009 e presso il cantiere della nuova scuola “Mariele Ventre”.

azzolina scuola l'aquila

“Apprezziamo il comportamento che sta avendo nei nostri confronti la ministra – ha commentato il coordinatore regionale degli studenti, Tommaso Cotellessa – perché comunque sta riconoscendo la giusta importanza agli studenti. Questo non vuol dire che condividiamo tutto quello che sta facendo, occorre coraggio, soprattutto in territori disastrati. Dobbiamo pensare che ormai la scuola è cambiata, non dobbiamo tornare alla scuola di prima, ma migliorarla. Tornare a scuola in presenza, con l’importante stampella della didattica a distanza. A L’Aquila, in particolare, abbiamo bisogno di una grande azione di edilizia scolastica. Ci devono dire come possiamo tornare delle classi pollaio dei MUSP”.

Lega Giovani: “No alle passerelle”.

“Avendo appreso solo poche ore fa della visita dell'”invisibile” Ministro Lucia Azzolina che,con una nota stampa diramata all’ultimo minuto, ha annunciato in sordina l’arrivo a L’Aquila – scrivono in una nota stampa i responsabili della Lega giovani Abruzzo, dell’Università e dell’Aquila De Santis, Maccarone e Costantini – come Lega Giovani siamo venuti simbolicamente fuori gli istituti superiori di Collesapone per esprimere tutta la nostra contrarietà all’ennesima passerella mediatica di un Ministro evanescente. Dopo una gestione a dir poco catastrofica della fase emergenziale, con studenti abbandonati a loro stessi dal primo all’ultimo giorno, l’Azzolina non porta in città nessuna risposta per i quasi 26.000 studenti abruzzesi che il Governo finirà per tenere fuori dalle aule per delle misure anti-Covid-19 decontestualizzate. Non sappiamo ancora nulla sul come questo Governo intende sopperire alla già cronica assenza di aule e di spazi scolastici adeguati. Tutto quello che abbiamo sono proclami e conferenze stampa. Un paese in cui i luoghi di formazione sono gli ultimi a riaprire, è un paese che non ha futuro”.