Roio Piano, paese fantasma: per il servizio Seguimi non esiste

Lo strano caso di Roio Piano: il servizio "Seguimi" delle Poste non lo conosce.

Roio Piano, il servizio postale “Seguimi” non conosce il toponimo. Il contributo di Fulgenzio Ciccozzi.

Dopo il terremoto, alcune realtà abitative dell’aquilano sembrano essere d’incanto sparite… e non solo dal punto di vista burocratico. I motivi che mi hanno spinto a scrivere questa missiva sono molteplici, ma per tutti ne cito uno solo: l’ultimo che mi è capitato. Devo dire che ho fatto fatica in questi anni a porre in evidenza le problematiche e le eccellenze di Roio Piano al di là dell’altopiano che per le cronache, e non solo, sembrava “quasi” essere scomparso. È vero che il terremoto ci ha messo lo zampino, ma non pensavo che anche l’uomo aggiungesse il suo! Dei tanti, mi soffermo sull’ultimo avvenimento il quale, se vogliamo, è quello che, anche se agli occhi di molti sembra futile, mi ha dato più fastidio.

Sabato mia zia, che fortunatamente è rientrata a casa sua, ha chiesto alle poste di fare il “Seguimi” su un altro indirizzo di appoggio poiché il luogo in cui si trova la sua abitazione è praticamente inaccessibile per via dei cantieri che lo circondano. La frazione, alla quale gli indirizzi, quello della residenza e quello di recapito, fanno riferimento, pare essere scomparsa! Già, Roio Piano, il paese che dava il nome al vecchio comune, sembra non esistere più giacché a Roio (4 paesi) risultano solo gli altri tre! Pertanto via Aia del Ceraso di Roio Piano è passata d’un tratto una strada del paese vicino e non per errore… ma per mancanza di toponimo che evidentemente non risulta in quegli archivi! Infatti, alla richiesta di spiegazioni dell’utente, il postino ha risposto che non dipendeva da lui (ovviamente) ma che quelle erano le disposizioni!

Cancellare l’entità di un abitato che la comunità ha creato nei secoli significa essere insensibili verso i suoi abitanti e irrispettosi della sua storia. Roio è costituito da quattro paesi che da secoli hanno camminato insieme. Toglierne uno dei quattro, anche se non materialmente, lo mortifica e lo rende più vulnerabile. Avete privato Roio del suo comune, avete dimenticato le sue esigenze, lo avete riempito di obrobri (antenne, Progetto C.A.S.E. ecc…), gli avete imposto nomi di vie senza tener conto della sua storia e ora volete togliergli anche una delle sue identità? Francamente è troppo!

Fulgenzio Ciccozzi