Emergenza Poesia, i dettagli di un incontro notturno

"Incontro notturno" di Robert Browning per la rubrica Emergenza Poesia, a cura di Alessandra Prospero.

“Incontro notturno” di Robert Browning per la rubrica Emergenza Poesia, a cura di Alessandra Prospero.

Il mare grigio e la lunga riva nera;
e la mezzaluna gialla, grande e bassa;
e le ondine smosse che balzano
in circoli di fuoco destate dal sonno,
mentre approdo veloce alla cala,
e smorzo l’abbrivo nella sabbia melmosa.

Poi un miglio di tepida spiaggia profumata di mare,
tre campi ancora, appare una cascina;
un tocco ai vetri, il rapido secco strofinio,
il bagliore azzurro d’un fiammifero che s’accende,
una voce più sommessa, dalla gioia e la paura,
di due cuori che battono l’uno per l’altro.

“Incontro notturno” di Robert Browning

Il poeta inglese Robert Browning, autore di celebri poesie come “The Englishman in Italy”, ci porta con questi versi dentro la scena di un approdo e di un ricongiungimento. “Meeting at night” si apre in medias res e parla con la velocità del momento. Ci sembra di essere lì e osservare da vicino la scena, insieme a questo autore che amava l’Italia e che aveva mutuato un certo materialismo turistico da lord Byron. In questo testo troviamo tutta l’opulenza di Browning nel dettaglio, nell’amore per la parola che caratterizza. La cala diviene viva ai nostri occhi e anche l’incontro con la donna, sapientemente anticipato da tanti piccoli e grandi particolari riconducibili in maniera autentica alla nostra sfera sensoriale .