Elezioni amministrative, Lega: “Liste pulite”

Elezioni amministrative, la Lega punta ad amministrare oltre mezzo milione di cittadini del Centrosud. Salvini chiede "liste pulite".

Da Avezzano a Milazzo la Lega punta ad amministrare oltre mezzo milione di cittadini nel Centrosud.

In Abruzzo sono Avezzano e Chieti (con Tiziano Genovesi e Fabrizio Di Stefano) le principali città a cui mira la Lega per le prossime amministrative, ma l’obiettivo per il Centrosud è molto più ampio, a partire da Reggio Calabria (il più significativo Comune chiamato alle urne e che conta 182.551 abitanti) dove l’obiettivo è eleggere “il sindaco del Ponte, per dare concretezza a uno dei grandi progetti infrastrutturali per rilanciare il Paese”. Matteo Salvini sta valutando una rosa di cinque nomi per individuare il candidato migliore. In Sicilia la Lega, da pochi mesi entrata in Consiglio Regionale e da poche settimane anche in Giunta, proporrà una sua candidatura per il sindaco di Milazzo (31.473 abitanti) e sarà presente in tutti gli altri centri, in Sardegna sarà leghista il candidato sindaco di Nuoro (35.694 abitanti). In Basilicata la Lega punta Matera (60.450 abitanti).

In Campania prima storica presenza leghista nei Comuni di Giugliano (123.387 abitanti), Casalnuovo di Napoli (48.693 abitanti), Caivano (37.407 abitanti) e Mugnano di Napoli (35.201 abitanti) con l’obiettivo di esprimere un primo cittadino leghista a Poggiomarino (22.036 abitanti) e lavorare in prospettiva per un candidato sindaco leghista a Benevento (59.200 abitanti) e Caserta (75.430 abitanti). In Puglia sono pronti i candidati sindaci leghisti ad Andria (99.356 abitanti), Corato (48.253 abitanti) e Ceglie Messapica (19.965 abitanti), mentre in Regione la Lega lancia Nuccio Altieri in ticket con Raffaele Fitto.

In tutte le regioni, Campania in primis, la Lega chiederà “liste pulite”, ovvero lo stop ai cosiddetti impresentabili coinvolti in gravi problemi con la giustizia: “È un altolà a Luigi Cesaro e compagnia, – spiegano dalla Lega – giusto per fare un esempio”.