Elezioni Avezzano 2020, Piacente: “Pd unito, la destra continua a litigare”

Elezioni Avezzano 2020, dopo la candidatura di Roberto Verdecchia il Pd guarda avanti. Piacente: "Lavoriamo a un'ampia coalizione, confrontandoci con liste civiche e 5 Stelle".

Elezioni Avezzano 2020, il Pd lanciato verso le amministrative con l’avvocato Roberto Verdecchia. Una scelta senza strascichi, “il nostro partito è unito ed è unito l’intero centrosinistra, mentre il centrodestra continua ad essere spaccato”. L’intervista al segretario provinciale del Pd, Francesco Piacente.

Ufficializzato Roberto Verdecchia, candidato alla carica di sindaco di Avezzano per le prossime elezioni 2020, il Pd guarda avanti e volge lo sguardo, in primis, alla costruzione di un’ampia coalizione. Forze civiche e 5 Stelle chiamati a raccolta: alla ricerca di un’alleanza che parta dalla condivisione di un programma di governo.

I nomi sui quali era orientata la scelta erano quelli di Lorenza Panei e, per l’appunto, di Roberto Verdecchia.

“C’è stata una sostanziale concordia, a tal punto che la stessa Lorenza Panei è stata promotrice della proposta di Roberto Verdecchia. Un nome noto alla città, un professionista stimato ed esperto di materia amministrativa. Il clima creatosi intorno alla decisione è stato fin da subito positivo. Il candidato Roberto Verdecchia si è messo a disposizione del Partito nell’obiettivo di costruire, intorno a questa candidatura, una coalizione più ampia possibile, per garantire ad Avezzano un’alleanza solida che sappia amministrare in maniera concreta, matura e con un Governo duraturo”.

Elezioni Avezzano, il centrosinistra e la missione grande coalizione

Un’assemblea unidirezionale nella scelta quella del Pd, per utilizzare le parole rilasciate da Francesco Piacente ai microfoni del Capoluogo. “Il partito è unito. Roberto Verdecchia è il punto fermo attorno al quale è aperto un dibattito a 360 gradi. Guarderemo alla forze civiche – che da tempo animano liste e iniziative programmatiche – e ai nostri alleati di Governo nazionale, i 5 Stelle – anch’essi a lavoro su una proposta”.

https://www.facebook.com/capoluogo.it/videos/1388934821293244/

“Guarderemo, praticamente, a tutto il resto del panorama politico avezzanese – continua Piacente – con una sola eccezione: le forze sovraniste, anti europeiste e di destra, che peraltro hanno già fatto la loro scelta, questa sì molto discussa e foriera di divisioni tra i partiti. Faccio i miei migliori auguri al candidato Lega Tiziano Genovesi, presentato lunedì. Io personalmente non lo conosco e non sono l’unico ad Avezzano a non conoscerlo”.

Un centrodestra “frammentato e diviso, questo è un dato politico di cui prendiamo atto”, attacca il segretario provinciale del Pd. Le elezioni di Avezzano 2020 sono una “Partita importante, direi fondamentale. La città si sta ponendo al centro di vicende nazionali rilevanti, penso, ad esempio al tema trasporti. Dobbiamo ragionare su queste amministrative pensando ad Avezzano come una città distretto che sarà nel cuore della trasversalità tirreno-adriatica, insieme alla Marsica. Avezzano come punto nevralgico di un nuovo sistema di scambi, anche e soprattutto commerciali. Una possibilità che offrirà grandi possibilità di sviluppo, che potrà essere portato avanti grazie a una lungimiranza della classe amministrativa al governo cittadino”.

Elezioni Avezzano 2020, le priorità per amministrare la città

Quali saranno, allora, le priorità del programma del centrosinistra? 

“Tutti ricordano Roberto Verdecchia sia nella fase di assessore ed esponente di spicco dell’ex giunta Di Pangrazio, sia per come si è distinto nella fase buia dell’Anatra Zoppa, per trasparenza e serietà. Questo è il biglietto da visita della candidatura che abbiamo proposto. È chiaro che ci sarà bisogno di nuove risposte: è cambiato il mondo, soprattutto alla luce delle nuove esigenze portare dal Covid-19. Sono necessarie idee nuove, direi rivoluzionarie di fronte a queste esigenze. E Avezzano in quest’ottica ha bisogno di un’amministrazione stabile, che dia continuità alla sua azione amministrativa“.

Come? “Trovando soluzioni vere per un tessuto commerciale molto danneggiato dagli ultimi accadimenti, rilanciando il centro cittadino, riprogrammando lo sviluppo del tema ambientale, combattendo per tutelare e difendere la Sanità marsicana. Ci sono reparti importanti che hanno fatto scuola a livello nazionale e che non hanno un primario, penso alla chirurgia vascolare. Non si può continuare a depauperare l’ospedale di Avezzano, la Sanità deve essere all’altezza dei tempi. Centrali saranno anche il tema Lavoro – siamo sicuri che nuove opportunità arriveranno proprio dalla trasversalità tirreno-adriatica – e quello relativo ai Trasporti“.