Area commerciale a Centi Colella, il provvedimento si impantana in Consiglio

Cambio di destinazione d'uso a Centi Colella, la maggioranza si spacca: passa la pregiudiziale per rinviare il punto all'ordine del giorno.

Consiglio comunale sull’area commerciale a Centi Colella, il provvedimento si impantana su un emendamento.

Tutto fermo per quanto riguarda il provvedimento relativo al cambio di destinazione d’uso di un terreno a Centi Colella, da passare a “media struttura di vendita”, come prevedeva un emendamento presentato in Aula dal capogruppo della Lega, Francesco De Santis, per precisare alcuni aspetti del provvedimento di cambio di destinazione d’uso. Da una parte, la modifica della denominazione, che doveva passare a “media struttura di vendita”, e dall’altra la modifica delle cubature.

Il consigliere Luciano Bontempo, supportato dal consigliere Angelo Mancini, ha chiesto però un rinvio dell’odg per “prendere meglio visione dell’emendamento” oggetto della discussione, benché dalla Lega abbiano precisato che l’emendamento fosse già passato in Commissione.

Lega e Silveri hanno tentato di bocciare la pregiudiziale per salvaguardare la delibera dell’assessore Ferella, ma a dare manforte alla richiesta di Bontempo e Mancini sono arrivati i voti favorevoli da parte sia dell’opposizione che da parte della maggioranza. Dalle stesse forze di governo sono arrivati diversi voti favorevoli e qualche astensione, risultato, la pregiudiziale è passata e il delicato ordine del giorno è stato rinviato con 16 voti favorevoli, 6 contrari e 9 astenuti.

Una “prova di forza” da parte degli alleati, forse anche in risposta al mezzo sgambetto dello scorso Consiglio ai danni dell’assessore Fabrizi. Questa volta, nel mirino è finito l’assessore della Lega.

“Siamo stati votati dalla città – ha tenuto a precisare il capogruppo Francesco De Santis – per assumere sulle nostre spalle delle decisioni”, stigmatizzando il rinvio dell’odg, che da parte sua Roberto Junior Silveri ha definito “vergognoso”.

La proposta deliberativa riguardante una seconda variazione di destinazione d’uso da “attrezzature direzionali” a “zona per attrezzature commerciali”, riferita ad un’area nel quartiere di Pettino, è stata invece respinta con 19 voti contrari, 4 favorevoli e 3 di astensione.

Per il resto, il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità un ordine del giorno con il quale si impegna l’amministrazione comunale ad attivarsi perché  tutti i dipendenti del Comune dell’Aquila vengano sottoposti a test sierologici verso Sars Cov 2, ai fini conoscitivi, di prevenzione e di contrasto al contagio da Covid 19.

Via libera all’unanimità anche ad una mozione, presentata dalla consigliera Chiara Mancinelli (Forza Italia) con la quale si impegnano il sindaco e la giunta “ad agire ed adoperarsi presso l’Aquilana società multiservizi (Asm) affinché il servizio di prenotazione e ritiro a domicilio di rifiuti del tipo ingombranti e Raee, per i privati cittadini, venga attivato sul territorio comunale”.

L’Assemblea, che in apertura dei lavori ha osservato un minuto di silenzio per la scomparsa della madre dell’assessore Vittorio Fabrizi, ha discusso le interrogazioni presentate dal consigliere Paolo Romano (Italia Viva), il quale ha ritirato, con rinvio ad altra seduta, quella relativa a “Residui della ricostruzione privata cittadina” proprio per l’assenza, a causa del lutto subito, dello stesso assessore Fabrizi.