Coronavirus, errore al primo tampone: nessun terzo caso a Canistro

Coronavirus, falso allarme: non c'è nessun terzo caso a Canistro. Errore nei risultati del primo tampone. La comunicazione ufficiale giunta al sindaco Angelo Di Paolo.

Non c’è nessun terzo caso da coronavirus a Canistro.

Circolava la notizia, in paese, sul falso allarme dovuto a un errore nei risultati del primo tampone, sul cittadino di Canistro alto, considerato il terzo caso da Covid in paese.

L’interessato, così come l’amministrazione comunale, avevano ricevuto l’ufficialità della positività nella giornata di sabato 13 giugno. Si è trattato, però, di un errore.

La persona coinvolta nella vicenda, un anziano residente nel Comune di Canistro, non è positivo: non lo è mai stato. A comunicarlo poco fa al primo cittadino di Canistro, Angelo Di Paolo, il Servizio di Igiene, Epidemiologia e Sanità Pubblica della Asl1 Avezzano-Sulmona-L’Aquila.

“Il primo tampone a cui è stato sottoposto l’uomo – i cui risultati erano arrivati il 13 giugno 2020 – è risultato negativo, con il rapporto di prova allegato. Negativo è anche il secondo tampone effettuato all’Ospedale dell’Aquila, in data 15 giugno 2020, cioè ieri. Pertanto l’uomo non risulta affetto da Covid-19 e tutti i contatti del caso non devono essere sottoposti né a quarantena né a isolamento domiciliare”, come ha annunciato il sindaco alla nostra redazione.

Il primo tampone sull’uomo era stato effettuato alla Clinica di Lorenzo di Avezzano.

Allarme rientrato, “Speriamo ci sia più scrupolosità nell’analisi e comunicazione dei dati, perché si rischia di creare situazioni di tensione a carattere sociale. Non siamo abituati a questi allarmismi e non vogliamo certamente esservi abituati”, conclude il sindaco Di Paolo.