Morte Cesidio Valletta, l’indagato: “Non l’ho abbandonato”

Cesidio Valletta, gli ultimi aggiornamenti sul caso. L'indagato nega qualsiasi coinvolgimento. Oggi pomeriggio l'autopsia.

Morte Cesidio Valletta, il caso continua ad essere avvolto nel mistero. Oggi l’autopsia. Intanto parla l’amico indagato, rimasto coinvolto con lui in un incidente d’auto lunedì.

Proprio Lunedì 18 maggio di Cesidio Valletta si è persa ogni traccia, fino alla scoperta della morte.«Ero ferito e sotto choc dopo l’incidente, ma appena ho saputo che Cesidio non si trovava più sono andato in caserma e ho raccontato tutto quello che era accaduto».

Le parole che il 38enne di Lecce indagato dalla Procura di Avezzano ha rilasciato ai Carabinieri, che stanno portando avanti le indagini.

Cesidio Valletta è stato ritrovato senza vita nel pomeriggio di venerdì 22 maggio, in un canale di Strada 26, vicino al Centro Telespazio.

L’indagato, secondo quanto riporta Il Centro, ha spiegato agli investigatori di essere stato soccorso dai suoi genitori, dopo l’incidente. Era in stato di choc ed è stato trasportato in ospedale.

banner_doc

 

 

 

 

 

 

È stato il sistema Gps ad allertare i parenti dell’indagato sull’incidente avvenuto. Arrivati sul posto i familiari hanno trovato il giovane ferito e in stato confusionale. Medicato all’ospedale di Avezzano è stato, poi, dimesso, senza necessità del prelievo e dell’alcoltest. L’automobile, finita in un canale, è stata recuperata da un carro attrezzi. Domenica il sequestro del mezzo, insieme ai cellulari di Cesidio e dell’amico.

Cesidio Valletta, martedì la denuncia della scomparsa

L’allarme sulla scomparsa di Cesidio Valletta scatta nella giornata di martedì 19 maggio. La famiglia denuncia il mancato rientro a casa del 35enne e partono le ricerche. Il corpo di Cesidio viene ritrovato solo venerdì 22 maggio, privo di vita, in un canale del Fucino tra Pescina e Ortucchio. L’acqua, nel punto esatto del ritrovamento – a circa 300 metri dal luogo dell’incidente – è alta circa 1 metro.

La vittima – riporta Il Centro nell’articolo di Pietro Guida – pare abbia provato a contattare l’amico dopo l’incidente, ma senza ottenere risposta. Anche il conducente, sembra, il giorno successivo all’incidente, ha provato più volte a mettersi in contatto con Cesidio.

Tanti gli interrogativi ai quali stanno cercando di dare una risposta gli inquirenti. Indizi importanti arriveranno dall’autopsia, che sarà eseguita nel pomeriggio di oggi.