5000 euro a imprese Abruzzo, conto alla rovescia

5000 euro a fondo perduto per le imprese abruzzesi dopo l'emergenza Covid. Aperti i termini per la presentazione delle domande. I dettagli.

Aiuta Impresa Abruzzo: da oggi, martedì 26 maggio, potranno essere inoltrate le domande, con scadenza al 4 giugno, per i 5 mila euro a fondo perduto per le piccole e medie imprese del territorio.

Le domande possono essere presentate attraverso questo link.

Ammontano a 6 milioni di euro le risorse disponibili per questa misura. L’avviso è stato approvato daI Dipartimento Risorse della Regione Abruzzo.

I fondi verranno concessi alle imprese per l’acquisto di beni strumentali e durevoli, utilizzati per almeno tre anni, quindi non cedibili in questo lasso di tempo.

Il dettaglio delle spese ammissibili, che devono essere state effettuate dal 1 gennaio 2020, è riportato nell’art. 8 dell’avviso.

Il contributo consiste in una sovvenzione diretta a fondo perduto, per un massimo di 5.000 euro, concessa a titolo di rimborso delle spese di investimento, nella misura del 40% delle spese sostenute al netto dell’IVA.

Aiuta Impresa, chi può fare domanda

Il contributo è destinato a: Micro e Piccole Imprese; i lavoratori autonomi in regime forfettario ai sensi della legge 27 dicembre 2019, n.160 Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2020 e bilancio pluriennale 2020-2022.

I beneficiari, alla data della presentazione della domanda dovranno essere costituiti da più di tre anni e operanti, sempre da almeno tre anni, nel territorio abruzzese. I dettagli sui beneficiari sono riportati all’art. 3 dell’avviso, mentre all’articolo 6 sono riportati tutti i requisiti di ammissibilità.

Clicca qui per l’avviso

banner_doc

Aiuta Impresa Abruzzo: Bocchino-Di matteo (Lega): “cuore pulsante per le nostre attività produttive”.

 

“Sul territorio vastese,come nel resto della provincia teatina,c’è molto interesse nei confronti del bando AIUTA IMPRESA della Regione Abruzzo per accedere ai 6 milioni di euro al netto dell’iva, a fondo perduto. Queso provvedimento è stato voluto dal gruppo consiliare della Lega ed è destinato al cuore pulsante delle nostre attività produttive ,vale a dire quelle aree industriali e commerciali di San Salvo, di Fresagrandinaria, di Punta Penna che convivono da sempre anche con la grande industria”, queste le parole del consigliere regionale Sabrina Bocchino.

“Un aiuto per le spese di investimento, nello specifico le spese per l’acquisto di beni utilizzati per la produzione di altri beni, quali attrezzature, macchine, mezzi di trasporto ed altri beni destinati ad essere utilizzati per un periodo di tempo superiore a tre anni” conclude la consigliera leghista”, aggiunge il consigliere teramano Emiliano Di Matteo.

Di Matteo sottolinea che “i titolari di micro e piccole imprese e i lavoratori autonomi in regime forfettario ai sensi della legge 27 dicembre 2019, n.160, che abbiano il DURC regolare al momento dell’erogazione del contributo richiesto, in base all’art.4 della L.R. 6 aprile 2020, n. 9 Misure straordinarie ed urgenti per l’economia e l’occupazione connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19, sono stanziati 6 milioni di euro a fondo perduto”.

Un intervento tampone per permettere alle micro imprese, a commercianti ed artigiani di ammortizzare gli investimenti impedito dal lockdown, in attesa della pubblicazione del Cura Abruzzo2 con quasi 70 milioni di euro di aiuti a fondo perduto”conclude il consigliere leghista teramano.