L’Aquila, Parco Unicef bar a cielo aperto

Parco Unicef a L'Aquila, la denuncia da via Strinella: "Sembra un bar a cielo aperto". Interi scatoloni di birra e qualche mascherina gettata. Divertimento sì, senso civico non pervenuto.

L’AQUILA – I lavori di restyling sono terminati solo lo scorso ottobre al Parco Unicef, ora, nelle prime settimane della Fase 2, l’area sembra un “bar a cielo aperto”. La denuncia da Via Strinella.

Un risveglio vista birre, quello di alcuni residenti di Via Strinella, con il vicino Parco Unicef a L’Aquila. La segnalazione a ‘Dillo al Capoluogo’, accompagnata dalle foto di una mattinata che mostra i segni dei bagordi della sera prima.

Non una birra, né due, né tre. Interi scatoloni di birre consumate sui gradoni dell’anfiteatro, ogni tanto spunta anche una mascherina gettata a terra. Resti di serate in compagnia, con voglia di divertirsi e molta meno voglia di farlo con senso civico.

banner_doc

“Il risveglio di noi residenti di Via Strinella: un Parco utilizzato come bar all’aperto. Non chiediamo molto, se non che le persone che lo frequentano siano almeno sensibilizzate al senso civico, magari anche grazie a questa denuncia”, ci scrivono.

“Dillo al Capoluogo” è la rubrica attraverso la quale potete fare un appello, raccontare ciò che non va o fare una sorpresa ai vostri cari. Scriveteci a ilcapoluogo@gmail.com oppure su WhatsApp (392 6758413) o ancora tramite la pagina Facebook – IL CAPOLUOGO D’ABRUZZO.