Cultura e turismo, Biondi: “L’Aquila è pronta a un grande rilancio”

"L'Aquila è pronta a un grande rilancio". Il sindaco Pierluigi Biondi pensa alla cultura e al turismo per superare la crisi conseguente all'emergenza Covid.

“Nulla potrà fermare arte, turismo e cultura all’Aquila: nemmeno il Covid”.

Con queste parole, il sindaco Pierluigi Biondi, si appresta a rilanciare la città dopo l’emergenza Covid.

Dopo il lungo lockdown, L’Aquila si appresta a ripartire, con cultura e turismo, che vanno di pari passo.

La città infatti è stata capofila in tutto il Paese, con il primo spettacolo “aperto”, dopo l’emergenza Covid, che si è tenuto all’interno della Basilica di Collemaggio.

Ho sognato Celestino, questo il nome dello spettacolo omaggio al Pontefice, le cui spoglie riposano all’interno della chiesa.

Il recital targato Tsa, con Simone Cristicchi, ha segnato il nuovo cammino culturale a L’Aquila. Non una data a caso per il primo evento culturale d’Italia aperto al pubblico, ma il 19 maggio, giorno di San Pietro Celestino. 

“Abbiamo rialzato il sipario sulla cultura e non ci fermiamo qui – assicura il sindaco Biondi al Capoluogosiamo la dimostrazione che all’Aquila si possono fare cultura e turismo in sicurezza”.

banner_doc

Siamo ripartiti all’Aquila proprio nel segno di Celestino che protegge, accoglie e cinge la città. Sotto i Suoi auspici abbiamo superato anche il Coronavirus e siamo pronti a ripartire: L’Aquila è pronta a un grande rilancio che passa dalla cultura“.

“Dobbiamo essere attenti, anche se all’Aquila i casi sono stati circoscritti, ma in sicurezza si può fare tutto: anche la Perdonanza, anche l’estate, con un turismo di qualità”.

“Puntiamo proprio sulla qualità, come scritto anche sulla Carta dell’aquila. In città il diradamento sociale già esiste, si vive in maniera tranquilla, dove c’è qualità a 360 gradi: abbiamo la montagna, le colline, arte, cultura, tutto ciò che serve che stare bene2”.

Adesso stiamo studiando la formula giusta per fare cultura e turismo. Siamo al lavoro insieme all’assessorato al turismo, l’emergenza Covid c’è, esiste, basterà seguire regole semplici che sono alla base di tutto in modo a stare tranquilli e prevenire il contagio”, conclude il sindaco