Sisma L’Aquila, 91 milioni per la ricostruzione privata

Trasferiti 91 milioni alle casse dell'Usrc per la ricostruzione privata. I fondi saranno destinati a 78 Comuni del Cratere e 13 Comuni fuori dal cratere

Sisma L’Aquila, Curcio: 91 milioni per la ricostruzione privata.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha trasferito 91 milioni a 78 comuni del cratere e 13 fuori dal cratere del sisma del 2009, per un totale di 80 interventi per la ricostruzione privata. Lo rende noto il Capo Dipartimento CasaItalia della Presidenza del Consiglio e Responsabile della struttura di missione della stessa Presidenza Fabrizio Curcio, esprimendo “soddisfazione” e sottolineando come in questi giorni “ci siamo impegnati tanto insieme agli Uffici speciali per la ricostruzione” per il trasferimento.

Si tratta, aggiunge, “di una spinta ulteriore a favore dei cittadini per la ricostruzione privata, che in Abruzzo è già a buon punto. Il lavoro continua con la stessa energia in tutti gli aspetti della ricostruzione”.

banner_doc

L’intervento sulla ricostruzione privata arriva a pochi giorni dall’assegnazione da parte del Cipe di altri 92 milioni per la ricostruzione pubblica e per il progetto ‘Restart’ con diverse iniziativa e a favore dello sviluppo e del turismo nel territorio colpito dal sisma del 2009.lL

“L’impegno della struttura di missione – prosegue Curcio – continuerà soprattutto sulla tematica della ricostruzione degli edifici scolastici su cui stiamo lavorando in sistema con gli enti locali e i Ministeri dell’Istruzione e delle Infrastrutture. Per noi una vera e propria priorità”.

L’Aquila e cratere, fondi alla ricostruzione privata: le dichiarazioni

“I mandati di pagamenti verso le banche sono rivolti a circa 80 interventi. Sono stata permanentemente in contatto con l’ing. Raffaello Fico dell’Usrc e con i Sindaci e l’Ance. Ho sollecitato il Mef e il sottosegretario Baretta per sbloccare i soldi fermi nelle burocrazie. Il presidente dell’Ance dell’Aquila Cicchetti aveva giustamente sollecitato lo sblocco dei fondi per le zone del cratere fuori dal comune dell’Aquila per la ricostruzione privata. Si era creato un blocco per il cumulo delle ordinanze a causa dell’emergenza Covid-19″, spiega la deputata Del Stefania Pezzopane.

“Tuttavia, abbiamo agito con solerzia e i soldi ora ci sono e verranno assegnati proprio mentre si riaprono i cantieri, davvero una felice coincidenza. Ringrazio quindi il sottosegretario Pier Paolo Baretta e il viceministro Antonio Misiani. Ho riconfermato a tutti che deve essere un impegno prioritario far arrivare i fondi con la giusta costanza e far ripartire i cantieri delle zone del cratere”.

“Dopo il nostro allarme lanciato alla fine di marzo circa la mancanza di fondi nelle casse dell’Usrc, destinati agli interventi di ricostruzione post sisma 2009, ed aver sollecitato il trasferimento urgente di somme al Mef la situazione finalmente si è sbloccata”, così Roberto Santangelo Vice Presidente vicario in Consiglio regionale.

“Le casse erano vuote come da noi denunciato tant’è che oggi sono state rimpinguate con 78 milioni per la ricostruzione privata all’interno delle aree del cratere, mentre saranno 13 milioni quelli destinati per la ricostruzione privata fuori del cratere. Una buona notizia che acquista un valore maggiore per le imprese che hanno solo da poco ripreso l’attività, dopo il fermo forzoso derivante dallo stato emergenziale, e che rappresenta una spinta e un sostegno per tutto il comparto dell’edilizia in forte sofferenza.”.