Quantcast

Parrucchieri, si riapre: “salto nel buio ma faremo il possibile”

Parrucchieri e Fase 2, si riapre tra tante difficoltà anche a L'Aquila. "I protocolli rendono il nostro lavoro molto più difficile". Le interviste video

L’Aquila – Phon e piastre igienizzati, locali sanificati, dispenser a vista e segnaletica pro distanziamento. I parrucchieri aquilani sono pronti a ripartire dopo 2 mesi di chiusura a causa dell’emergenza Coronavirus.

Due mesi difficili per i parrucchieri, senza incassi, tra pagamenti di utenze e bollette e la cassa integrazione che non è arrivata a tutti.

Adesso intanto si riparte, con questa data, il 18 maggio, a fare da spartiacque.

“È un salto nel buio ma faremo il possibile. Abbiamo investito per riaprire: alcuni colleghi ancora non ricevono la merce ordinata. Il plexiglass e alcuni tipi di adesivi sono sold out, idem i dispenser…”, spiegano i parrucchieri sentiti dal Capoluogo.

banner_doc

Le regole sono semplici: innanzitutto un cliente per lavorante, previa prenotazione.

Tutti in salone devono avere mascherine e guanti, giacca e borsa della cliente va chiusa in un sacchetto, forbici e spazzole vanno sterilizzate dopo l’uso.

“Ci siamo messi a posto seguendo le indicazioni delle linee guida. Il tutto è molto restrittivo.

L’Inail infatti ha indicato tutta una serie di misure organizzative generali per i parrucchieri.

Prenotazione obbligatoria (fase in cui vanno predeterminati i tipi di trattamento richiesti) alle barriere di separazione tra le varie aree, dalla previsione di una distanza minima di almeno due metri tra le postazioni all’eliminazione di riviste e ogni altro oggetto che possa essere di utilizzo promiscuo nel locale.

Dovrà inoltre essere presa la temperatura ai clienti, consegnata loro una borsa/sacchetto individuale monouso per raccogliere gli effetti personale, privilegiare i pagamenti con bancomat e sistemi contactless.

Sia per i clienti che per i dipendenti è ovviamente previsto l’obbligo di mascherina (per i lavoratori anche di guanti in nitrile e schermi facciali) e vanno utilizzati grembiuli e asciugamani monouso, così come bisogna sanificare le postazioni e gli strumenti dopo ogni trattamento e predisporre dei dispenser con soluzioni igienizzanti. Gli esperti hanno valutato anche i rapporti sociali tra cliente e titolare o dipendente del negozio. E’ necessario privilegiare la conversazione con il cliente tramite lo specchio e svolgere le procedure rimanendo alle spalle del cliente in tutti i casi possibili.

Di seguito le  altre linee guide dettate dall’Inail per i parrucchieri:

Possibilità di aprire anche domenica e lunedì, postazioni separate di almeno due metri, aree d’attesa per i clienti all’esterno del negozio.

Sono alcune delle linee guida per parrucchieri ed estetisti indicate nel documento tecnico dell’Inail e dell’Iss approvato nella seduta di ieri dal Comitato tecnico scientifico in vista della riapertura delle attività prevista per il 18 maggio.

Regole di carattere generale, ha sottolineato l’Inail, che interessano un settore considerato a rischio medio-alto che coinvolge circa 140mila imprese e 260mila addetti.

“Al fine di garantire l’accessibilità ai servizi dopo un lungo periodo di chiusura e in considerazione delle misure da adottare, che verosimilmente ridurranno il numero di trattamenti in contemporanea è opportuno prevedere la possibilità di permettere deroghe ai giorni di chiusura e consentire l’estensione degli orari di apertura dei locali. Per razionalizzare gli spazi interni e consentire il distanziamento sociale bisognerà favorire la realizzazione di aree di attesa per i clienti anche all’esterno dei locali, consentendo ove possibile l’occupazione del suolo pubblico in deroga”.

Il video con l’intervista del Capoluogo ai parrucchieri aquilani Alessandro Conversi, Teresa Mastrantonio con il figlio Christian De Felice e Andrea Cossu.

#coronavirus #fase2

Pubblicato da IL CAPOLUOGO D’ABRUZZO su Domenica 17 maggio 2020