Quantcast

Fase 2, riaperture a L’Aquila: atmosfera da primo giorno di scuola

Fase 2: si alzano le saracinesche delle attività commerciali aquilane. Riaperture che sanno di primo giorno di scuola, in un'atmosfera quasi festosa.

Fase 2 entrata nel vivo questa mattina all’Aquila: una città brulicante di vita, colori e rumori. Oggi per quasi tutti i commercianti, i parrucchieri, i bar e le estetiste è suonata la “campanella” delle riaperture.

Per molti le riaperture hanno avuto il sapore del primo giorno di scuola: non c’erano cartelle e grembiulini e mamme ad aspettare, ma kimono monouso, copriscarpe, igienizzanti, locali sanificati con le distanze in evidenza e una vagonata di mascherine.

Riaperture arrivate finalmente dopo 2 mesi di sofferenze e preoccupazioni a causa delle chiusure imposte dall’emergenza Covid, con le utenze e gli affitti da pagare, i fornitori incalzanti, poche speranze per il futuro.

La campanella di oggi ha avuto suoni particolari: risate, chiavi che girano nelle toppe, saracinesche che si alzano.

C’è chi ha riaperto facendo il countdown come se fosse Capodanno, chi ha battuto le mani e ci sono stati anche urli di gioia liberatori: in ogni caso il leit motiv di oggi è il sorriso!

banner_doc

I locali sono stati tutti sanificati e igienizzati, per i parrucchieri e le estetiste inoltre c’è un rigido protocollo dettato dall’Inail da seguire.

Fuori alcune attività, tappetini monouso e spray alla candeggina per pulire le scarpe prima di entrare.

Perchè le riaperture erano si indispensabili, ma ci vuole ancora tanta cautela, perchè il Covid va scemando, ma dati alla mano, ancora non è scomparso.

Riaperture oggi ma non per tutti: c’è anche chi non ha potuto ancora alzare la saracinesca. Le difficoltà sono ancora tante e tornare alla normalità è difficile.

La carrellata di video e foto raccolte dal Capoluogo per abbracciare virtualmente i commercianti che oggi hanno riaperto la propria attività.

In bocca al lupo a tutti, da parte della redazione: siamo aquilani e dopo il terremoto non c’è Covid che possa fermarci!