Quantcast

Punto Basilio non riapre: “fase 2 bagno di sangue per commercio”

Non riaprirà per adesso il locale punto Basilio in viale Nizza. Il titolare :"Non ci sono le condizioni"

Punto Basilio, il locale del giornalista aquilano Marco Signori, non riaprirà.

Punto Basilio si trova nel cuore del centro storico dell’Aquila, immerso nel verde, a due passi dal polo universitario di Viale Nizza.

Nessuna Fase 2 quindi per un locale, punto di riferimento del mondo universitario aquilano, di quella movida colta e intellettuale che ha cominciato 7 anni fa a rianimare una zona, ancora oggi  in parte dimenticata a 11 anni dal sisma del 6 aprile 2009.

“Questa situazione sta creando un bagno di sangue nel commercio, soprattutto per chi dalla propria attività, cerca di tirare avanti. Punto Basilio è nato nel 2013 – spiega Marco Signori al Capoluogo – e seppur fiaccati dalle tante difficoltà di chi ha vissuto il terremoto, credendo nelle potenzialità di questa città, mai avremmo potuto immaginare di trovarci a un bivio!”

“Punto Basilio per ora non riaprirà perchè non ci sono le condizioni, perchè se da una parte c’è un’ordinanza che lo consente dall’altra rischiamo di fare un salto nel vuoto”.

“Il locale attinge linfa vitale dall’università che è ancora chiusa. Abbiamo lo spazio esterno per assicurare le distanze ma un’attività commerciale non può reggersi senza un’utenza sicura a supporto”.

“Lo dico a malincuore, per ora è sconveniente riaprire, almeno qui. Se fossimo stati in un altro punto del centro storico dell’Aquila, o nell’immediato periferia, forse sarebbe stato diverso”.

banner_doc

“Dall’inizio dell’emergenza ho sostenuto tutte le spese che chi ha una propria attività conosce bene”.

“Dal 2013 a oggi ho avuto i dipendenti stabili a tempo indeterminato, non a chiamata o con i voucher o interinali. Abbiamo sempre lavorato, con impegno e sacrificio, ma non ci sono le riserve auree di supporto. Se nel 2019 si è fatturato, quei soldi sono stati investiti nel locale e nelle esigenze di tutti i giorni sempre legate all’attività“.

“Con le risorse che avevo in 2 mesi di chiusura ho continuato a pagare tutto: se devo andare incontro a incassi quasi azzerati e continuare a sostenere le spese allora non ci sto! Punto Basilio dovrà aspettare‘! Poi, mai dire mai, ho detto settembre, magari e speriamo di poter riaprire prima, a inizio estate per esempio”.

Questo il post pubblicato sulla pagina Facebook di Punto Basilio:

“Ne abbiamo superate davvero tante in 7 anni, ma quel 17 maggio 2013 mai avremmo pensato di dover prendere una decisione tanto drastica.

Non riapriremo, almeno per ora. Condizioni troppo svantaggiose ed economicamente insostenibili, per noi.

Stringeremo ancora una volta i denti (e la cinghia), più del solito.

Ci vediamo a settembre. Forse.

Ci mancate tutti!”