Modulo Alzheimer all’ex ONPI, Palumbo: “Servono 400mila euro”

Il consigliere comunale Stefano Palumbo sollecita l'amministrazione comunale a dar seguito all'odg sul Modulo Alzheimer all’ex ONPI.

Il consigliere comunale Stefano Palumbo sollecita l’amministrazione comunale a dar seguito all’odg sul Modulo Alzheimer all’ex ONPI.

“400.000 euro è la somma necessaria per il completamento dei lavori del modulo Alzheimer all’ex ONPI“. Lo scrive il capogruppo PD in Consiglio comunale, Stefano Palumbo, aggiungendo: “Sono ormai tre anni che sollecito l’amministrazione comunale a stanziare questi fondi, ma devo rilevare con una certa amarezza che ad oggi a nulla è valso il mio ordine del giorno presentato a tale scopo e approvato dal consiglio comunale all’unanimità, né le ripetute sollecitazioni fatte in occasione di ogni sessione di bilancio”.
banner_doc

“In Abruzzo – prosegue Palumbo – ci sono 15.000 persone affette da questa patologia, ovvero 11,5 ogni mille abitanti, dato che colloca la 2nostra regione ai primi posti nella classifica nazionale. La realizzazione di un centro dedicato alla cura di questa malattia, oltre ad arricchire la già eccellente struttura sanitaria comunale costituirebbe dunque un utile servizio alla nostra comunità. La drammatica esperienza che stiamo vivendo ci insegna quanto necessario sia invertire la tendenza, che per anni ha visto tagli continui al sistema sanitario, tornando ad investire su strutture e servizi dedicati alla cura della persona. Quello che continua purtroppo a mancare, sicuramente in ambito comunale, è la programmazione che sottende a questi investimenti. In quest’ottica, sempre relativamente alla struttura ex ONPI, un ulteriore invito che rivolgo all’amministrazione è quello di riprendere da subito il percorso in capo alla Regione Abruzzo di accreditamento di posti letto aggiuntivi per residenza protetta in vista del ritorno in disponibilità degli spazi che verranno liberati dalla RSA di Montereale con il rientro nella originaria sede, una volta terminati i lavori di recupero da poco appaltati”.