L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

Ospedale Tagliacozzo chiuso, muore ad Avezzano per crisi respiratoria

Si sente male in macchina, lungo l'ex Supestrada del Liri. L'amico lo porta a Tagliacozzo, ma l'ospedale è ancora chiuso per l'emergenza Covid.

58enne muore per probabile overdose all’ospedale di Avezzano. Arrivato nel presidio ospedaliero in condizioni critiche, dopo essere stato accompagnato prima all’ospedale di Tagliacozzo, ancora chiuso per l’emergenza Covid.

Il 58enne, che era residente in provincia di Caserta, era stato ricoverato ad Ancona, a causa di una crisi respiratoria. Si trovava in compagnia di un amico, quando, mentre stavano attraversando in viaggio, la Superstrada del Liri, ha accusato un nuovo malore.

Da quanto finora ricostruito, l’amico lo ha subito accompagnato in ospedale, ma si è recato al pronto soccorso dell’Umberto Primo di Tagliacozzo, trovandolo chiuso. Da qui la richiesta di aiuto al 118, che ha prelevato l’uomo lungo la strada Tiburtina e lo ha trasportato immediatamente all’Ospedale di Avezzano, ormai in condizioni gravissime, come riporta Il Messaggero.

Inutili i tentativi dei medici di salvarlo. Sembra, dai risultati degli esami, che l’uomo sia deceduto per overdose, probabilmente da eroina. La salma è stata riconsegnata ai familiari.

L’uomo era stato sottoposto a diversi tamponi per verificare se avesse contratto il coronavirus, all’ospedale di Ancona e, dal racconto dell’amico, anche ad Amsterdam, dove era stato precedentemente ricoverato. Tamponi risultati sempre negativi. Per questa ragione i dottori escludono che la crisi respiratoria possa essere stata causata dal coronavirus.

X