Fase 2, tutti pazzi per McDonald’s

Km di fila per il primo giorno di apertura del Mc drive nei punti vendita McDonald's dell'Aquila e di Avezzano. Il ritorno alla normalità che passa anche da un panino.

Km di fila per la riapertura del servizio di asporto con il Mc drive del McDonald’s.

Questa la situazione che si è verificata ieri, lunedì 4 maggio, data spartiacque tra l’emergenza Covid e la tanto agognata Fase 2 che ha segnato la riapertura parziale con servizi di asporto e domicilio di alcuni attività di ristorazione come il McDonald’s.

Lunghe file nei due punti vendita McDonald’s dell’Aquila e di Avezzano, dopo settimane di traffico quasi assente in città per via delle restrizioni e dell’isolamento conseguenti all’emergenza sanitaria Covid.

banner_doc
Un segnale positivo, che simboleggia quanto tutti sentano forte la necessità di ricominciare, che sia anche dal tanto ambito panino che nel tempo si è perfezionato nella materia prima con prodotti ricercati, a km zero, rigorosamente Made in Italy, come nel caso dell’Abruzzo con prodotti locali come la patata del Fucino.

Il Capoluogo ha sentito il licenziatario dei McDonald’s di L’Aquila e Avezzano, Gaetano Miranda.

“Mancavamo da 50 giorni e ci aspettavamo un afflusso importante, ma non tanto quanto lo è stato ieri. Sono rimasto colpito dalla risposta della città dell’Aquila. Già dalle 18 avevamo la gente in fila. Ovviamente ci dispiace per qualche disagio alla viabilità, ma abbiamo curato al 100% la sicurezza dei dipendenti e dei clienti, mettendo in secondo piano il concetto di velocità che contraddistingue McDonald’s nel servizio”, ha sottolineato Miranda.

“Ringrazio di cuore gli aquilani per l’affetto dimostrato. Se il trend continua in breve tempo riporterò tutti i dipendenti al lavoro. Nessuno rimarrà indietro”.

La foto allegata all’articolo è stata scattata fuori il punto vendita McDonald’s di Avezzano.

Il video della lunga fila fuori McDonald che gira sul web:

g8