Quantcast

Coronavirus, Salvini: “19 milioni per l’Abruzzo, dalle parole ai fatti”

Il leader della Lega Matteo Salvini sulla proposta di legge che prevede un Piano da 19 milioni per l'Abruzzo: "Se non c'è il Governo, ci pensa il buongoverno locale"

Salvini sull’Abruzzo, “Bene piano da 19 milioni: dalle parole ai fatti”.

Il leader della Lega Matteo Salvini dichiara: ”19 milioni di euro per assicurare fino a 2mila euro per il pagamento delle spese delle partite Iva, 2mila euro per gli operatori dell’infanzia, 500 euro agli studenti fuori sede e fino a 10mila euro alle aziende. È la proposta di legge presentata dalla Lega in Abruzzo“.

Il leader della Lega Matteo Salvini ha aggiunto: “Se non c’è il governo, ci pensa il buongoverno locale. Dalle parole ai fatti”.

Salvini: Bene 19 milioni per l’Abruzzo – i dettagli della proposta

È stata presentata questa mattina in conferenza stampa la proposta di legge redatta dalla Lega (prima firmataria Sabrina Bocchino) e Roberto Santangelo con il contributo dell’Ufficio di Presidenza della Regione Abruzzo per destinare 19 milioni di euro a fondo perduto a sostegno di partite IVA, piccole imprese e famiglie colpite dalla crisi economica per il Coronavirus. La proposta naturalmente, prima di diventare operativa, dovrà completare il normale iter legislativo.

Tre le tipologie di misure previste: “Il pacchetto di misure – si legge nella relazione del progetto di legge – è volutamente riferito alle sole micro imprese, che non superano i limiti dei 10 dipendenti massimo, e quello di un fatturato annuo di 2 MI di euro massimo, perché sono quelle che spesso non riescono a sfruttare appieno altri strumenti più ampi, pensati per un diverso dimensionamento delle imprese”.

“Nello specifico, ai sensi dell’articolo 2 del PDLR sono concedibili alle micro imprese dei servizi legati al turismo (ristorazione), per il piccolo commercio e per altri servizi alla persona, in maniera ulteriore rispetto ad altri strumenti come ad esempio il de minimis, i seguenti aiuti così calibrati:

1. Aiuti sotto forma di sovvenzione diretta a fondo perduto, per la copertura delle normali spese di funzionamento a decorrere dalla data del 19 marzo 2020 e per il trimestre successivo, derivante dallo squilibrio fra Ie entrate e le uscite, entro il limite massimo in valor assoluto di €. 2.000;

2. Aiuti sotto forma di indennizzi per la ricostruzione dei flussi di liquidità interrotti a causa dei mancati ricavi dimostrabili previa stima dell’impresa e successiva perizia di esperto indipendente in fase di rendicontazione, a decorrere dalla data del 19 marzo 2020 e per il trimestre successivo, per una intensità massima fino al 100% dei mancati ricavi, rilevati rispetto ai dati dell’anno 2019, dovute dalla sospensione temporanea, sia totale che parziale, dell’attività, entro il limite massimo in valor assoluto di €. 10.000.

Inoltre, si intende intervenire anche a sostegno dell’istruzione, erogando contributi agli enti ed associazioni che operano nel settore dell’istruzione pubblica, limitatamente ai nidi ed alle scuole dell’infanzia, per le spese di funzionamento sostenute nei mesi di marzo, aprile e maggio 2020, fino all’importo massimo di euro 2.000,00 per ciascun ente, nonché agli studenti fuori sede che abbiano dovuto comunque pagare i canoni di locazione, anche in termini di coabitazione nel medesimo periodo, nei limiti dell’importo massimo di euro 500,00 ciascuno (art. 3 del p.d.I.)”. Nell’ultimo caso il contributo è limitato alle famiglie che hanno subito contrazioni nelle entrate a causa dell’emergenza Coronavirus.

Proposta di legge da 19 milioni, le attività ammesse a contributo.

A seguire le attività ammesse a contributo con relativo codice NACE:

I- SERVIZI DI ALLOGGIO E DI RISTORAZIONE
55. Servizi di alloggio
55.10 Alberghi e alloggi simili
55.20: Alloggi per vacanze e altre strutture per brevi soggiorni
55.30 Aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte
55.90 Altri alloggi
56. Attività di servizi di ristorazione
56.10 Ristoranti e attività di ristorazione mobile
56.20 Catering per eventi e altri servizi di ristorazione
56.29 Altri servizi di ristorazione
56.30 Somministrazione di bevande

G – COMMERCIO AL DETTAGLIO
47 Commercio al dettaglio, escluso quello di autoveicoli e di motocicli

N – ATTIVITÀ AMMINISTRATIVE E DI SERVIZI DI SUPPORTO
77.21 Noleggio e leasing di articoli sportivi e per il tempo libero
79.11 Attività delle agenzie di viaggio
79.12 Attività dei tour operator
79.90 Altri servizi di prenotazione e attività connesse

P- ISTRUZIONE
85.10 – Istruzione prescolastica

Q – SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE
88.91. Servizi di asili nido; assistenza diurna per minori disabili

R – ATTIVITÀ ARTISTICHE, SPORTIVE, DI INTRATTENIMENTO E DIVERTIMENTO
93.13 Palestre

S – ALTRE ATTIVITÀ DI SERVIZI
96.02 Parrucchieri e altri trattamenti di bellezza