Quantcast

Incendio a Preturo, potrebbe essere doloso

Si fa più concreta l'ipotesi del dolo per l'incendio di Pasquetta sulla montagna di Preturo. Non si esclude un rogo per questioni legate all'allevamento né una scampagnata abusiva

Due ettari di bosco andati in fumo, forse per questioni legate all’allevamento. Si fa più concreta l’ipotesi del dolo per l’incendio di Pasquetta sulla montagna di Preturo.

L’incendio aveva ripreso vigore dopo le operazioni di spegnimento di Vigili del Fuoco e Canadair. La pioggia di ieri mattina ha aiutato a contenere il rinato rischio che il rogo potesse tornare a estendersi ancora.

banner_doc

L’incendio è scoppiato su un’area impervia, in località Monte Castello, nel territorio di Preturo. Dopo i lanci che il canadair è riuscito ad effettuare – non molti a causa dell’ora tarda e del buio che stava scendendo – ci sono voluti quattro mezzi autobotte dei Vigili del Fuoco per domare le fiamme.

Da quanto riporta il Messaggero, sembra che siano stati trovati degli inneschi lungo la montagna. In questo caso risulterebbe sempre più probabile l’ipotesi dell‘origine dolosa dell’incendio. Tra le ipotesi prese in considerazione, si pensa che potrebbe trattarsi di un rogo voluto da qualche allevatore di zona: al momento, tuttavia, non è stata scartata neanche l’ipotesi di una scampagnata abusiva.

Durante lo spegnimento gli agenti della Squadra volante hanno battuto le vie di accesso alla vetta della montagna. Non è escluso che con il miglioramento delle condizioni meteo i carabinieri-forestali possano tornare sul posto per ulteriori accertamenti.