L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

6 aprile, L’Aquila, Me tengo recorda’ che sci’ renata

6 aprile 2009, il canto in versi aquilani: Me tengo recorda' che sci' renata. Un grido di dolore e di speranza.

6 aprile 2009. A undici anni dal terremoto che colpì al cuore L’Aquila l’augurio di una rinascita per il capoluogo d’Abruzzo.

Un augurio in versi aquilani, che è al tempo stesso un grido di dolore e speranza per il domani. “Me tengo recorda’ che sci’ Renata”

Il componimento, ascoltabile tramite questo link YouTubeè eseguito dalla Corale “Rajane Cante” diretta dal M° Alessia De Amicis.

 

ME TENGO RECORDA’ CHE SCI’ RENATA

Versi di Giuliana CICCHETTI NAVARRA
Musica e armonizzazione di CAMILLO BERARDI

 

L’Aquila a pezzi, tu, ‘na notte nera,

pare ‘nu sognu ma ‘ssa bbotta è vera

tutt’ è ruinatu ma tu sci’ la storia

‘na paggina da scrie pe’ lla memoria.

Chi s’è sarvatu mo’ te’ tanti strazzi

tra lle macerie ‘e chiese e de palazzi

la ggente che qua e là sta sbriricata

non vone cchiù vedette renfasciata!

Ju sole ch’è rrescitu mantoma’

m’ha fattu recorda’ com’eri bbella

ce vo’ ju tempu non sarrà ddoma’

ma tinghi rebbrilla’ come ‘na stella!

Non scroscia l’acqua cchiù da lle fundane

non sento de sonane le campane,

ju strusciu, ji quatrani e la cagnara

svejamme vojo da ‘sta notte amara.

Mo’ cchiù de prima ji’ te vojo bbene

fatte spari’ vurria tutte le pene

firita tu sarrài remarginata

me tengo recorda’ che sci’ renata!

(traduzione in lingua)

DEVO RICORDARMI LA TUA RINASCITA

 

L’Aquila a pezzi, tu, una notte maledetta,

sembra un sogno ma questo colpo è vero

tutto è distrutto ma tu sei la storia

una pagina da scrivere per la memoria.

Chi si è salvato ora tiene tanti strazi

tra le macerie di chiese e di palazzi

la gente che qua e là sta sparpagliata

non vuole più vederti puntellata e ingabbiata!

Il sole che è riuscito questa mattina

mi ha fatto ricordare come eri bella

ci vuole tempo non sarà domani

ma devi tornare a brillare come una stella!

Non scorre più l’acqua dalle fontane

non sento di suonare le campane,

il passeggiare, i ragazzi e la cagnara

voglio svegliarmi da questa notte amara.

Ora più di prima io ti voglio bene

vorrei farti sparire tutte le pene

ferita tu sarai rimarginata

devo ricordarmi la tua rinascita!

X