Quantcast
Cultura

Emergenza Poesia, la solitudine della malattia

Lo spunto odierno della rubrica Emergenza Poesia a cura di Alessandra Prospero è dedicato alla solitudine della malattia, con i versi della scrittrice neozelandese Katherine Mansfield.

Emergenza Poesia, la solitudine della malattia

Ora è la Solitudine, e non il Sonno,
che viene la notte a sedersi vicino al mio letto.
Distesa come una bimba stanca attendo il suo passo,
e la guardo spegnere la luce con un soffio lieve.
Salendo immobile, non si volge né a destra
né a sinistra, ma stanca, stanca abbassa il capo.
Anche lei è vecchia, anche lei ha combattuto tanto
da meritare la corona d’alloro.
Nella triste oscurità lenta rifluisce la marea
e s’infrange sull’arido lido, inappagata.
Soffia un vento insolito: poi il silenzio. Sono pronta
ad abbracciare la Solitudine, a prenderle la mano,
ad aggrapparmi a lei, aspettando che l’arida terra
si imbeva della terribile monotonia della pioggia.

Solitudine, Katherine Mansfield

Questa poesia è dedicata a tutte le persone che stanno soffrendo la solitudine della malattia.

L’autrice, Katherine Mansfield, combatté la tisi per anni e la malattia fu per lei un banco di prova, che la provò fino alla morte, ma che le regalò un’intensa umanità.

50bb4112-8795-4d74-8f34-e9701c375c3c

Nonostante la tosse, che in un accesso fatale la strappò alla vita a soli 34 anni, scrisse moltissimo in quegli anni.

Scrivere era per lei una “religione”: le sue pagine erano piene di vita, di realtà, di luminosità. Mansfield, neozelandese di nascita e cittadina europea per destino, aveva una vera e propria passione per l’osservazione della realtà: amava nutrirsi di essa anche dalle finestre delle stanze in cui veniva ricoverata per trovare una cura al suo male.

Aveva amore per ogni persona e per ogni cosa, per la malattia, per la Solitudine che, come si legge nel testo, era “pronta ad abbracciare” e anche per la sua ultima casa terrena, che reca come epitaffio una citazione dall’Enrico IV di Shakespeare: «Ma io vi dico, mio sciocco signore, che da questa ortica, da questo rischio, cogliamo il fiore della sicurezza»

g8

leggi anche
nebbie
Coronavirus - poesia in emergenza
Emergenza Poesia, le nebbie del rimpianto
giovanni prati
Cultura
Emergenza Poesia, isolamento e amore per la patria
navigli
Cultura
Emergenza Poesia, sofferenza, ispirazione e Navigli
gatto
Coronavirus - poesia in emergenza
Emergenza Poesia, convivere con il mistero felino
fiore
Poesia in emergenza
Emergenza Poesia, la solitudine secondo Emily Dickinson
compagnia dei poeti
Cultura
Compagnia dei Poeti, la Festa della Poesia 2020 è social
Petrarca
Coronavirus - poesia in emergenza
Emergenza Poesia, la cameretta non è più rifugio
emergenza poesia
Coronavirus/poesia in emergenza
Emergenza Poesia, domeniche silenziose tra le mura domestiche
Pietre muro poesia
Coronavirus - poesia in emergenza
Emergenza Poesia, i limiti invalicabili dell’uomo al meriggio
poesia mare
Coronavirus - la poesia in emergenza
Emergenza Poesia, libero è chi non dispone di libertà
poesia
Coronavirus - poesia in emergenza
Emergenza Poesia, ode alla speranza
petaso
Coronavirus-poesia in emergenza
Emergenza Poesia, la leggerezza di Pegaso
corde chitarra
Coronavirus - poesia in emergenza
Emergenza Poesia, la pausa tra due suoni
fiore
Coronavirus - poesia in emergenza
Emergenza Poesia, per non appassire