Coronavirus, la carica dei 35 sindaci: “Tamponi a tutti gli operatori sanitari”

Dall'Alto Aterno alla Valle Subequana, 35 sindaci chiedono l'estensione dei tamponi per gli operatori sanitari e per il personale a contatto con il pubblico.

Dall’Alto Aterno alla Valle Subequana, 35 sindaci chiedono alla ASL e alla Regione l’estensione dei tamponi obbligatori per gli operatori sanitari e per il personale dei servizi essenziali a contatto con il pubblico.

“L’obiettivo primario di tutti – scrivono i sindaci – è quello di salvaguardare la salute e il futuro dei cittadini che rappresentiamo. È un compito che la legislazione e i principi giuridici assegnano ai Sindaci in qualità di prima autorità sanitaria del territorio, ma soprattutto è un impegno etico e morale come  rappresentanti dell’intera comunità , in particolare di quella categoria di soggetti fragili, maggiormente esposti alle conseguenze dell’epidemia”. Così i 35 sindaci di area aquilana e subequana in una nota ad Asl e Regione Abruzzo sulla questione tamponi per Coronavirus.

50bb4112-8795-4d74-8f34-e9701c375c3c

Da qui le misure richieste: “Esame tampone COVID 19 a tutti gli operatori sanitari; esame tampone COVID 19 a tutti gli addetti ai servizi essenziali in contatto con il pubblico, in particolare al personale dei supermercati e delle farmacie; esame tampone COVID 19 per i soggetti incaricati all’interno delle famiglie di provvedere all’approvvigionamento dei beni di prima necessità e dei farmaci, almeno nelle aree ove si verificano contagi diffusi”.

“Le dimensioni delle nostre Comunità – proseguono i sindaci – presentano caratteristiche tali da poter mettere in atto queste precauzioni che potrebbero evitare il diffondersi del virus e impedire l’aggravarsi della situazione. Lo sforzo economico ed organizzativo pur se ingente, è minimo rispetto ai costi sociali del diffondersi dell’epidemia nei nostri territori”.

Hanno aderito alla richiesta del sindaco di Scoppito, Marco Giusti, Silvano Cappelli sindaco di San Demetrio, Giacomo Carnicelli sindaco di Tornimparte, Massimiliano Giorgi sindaco di Montereale, Giovannino Anastasio sindaco di Pizzoli, Leonardo Gattuso sindaco di Barete, Paolo Eusani sindaco di Prata D’Ansidonia, Walter Chiappini sindaco di Lucoli, Maurizio Pelosi sindaco di Capitignano, Iside Di Martino sindaco di Cagnano, Luigi Fasciani sindaco di Molina Aterno, Fabio Camilli sindaco di Acciano, Fernando Fabrizio sindaco di Castel di Ieri, Mario Di Braccio sindaco di Gagliano Aterno, Celestino Bernabei sindaco di Secinaro, Pietro Salutari sindaco di Castelvecchio Subequo, Gianni Di Cesare sindaco di Anversa degli Abruzzi, Paolo Federico sindaco di Navelli, Domenico Nardis sindaco di Villa Sant’Angelo, Mauro Di Ciccio sindaco di Rocca di Mezzo, Fausto Fracassi sindaco di Ocre, Fabrizio Boccabella sindaco di Fossa, Antonello Gialloreto sindaco di Poggio Picenze, Francesco Di Paolo sindaco di Barisciano, Domenico Di Cesare sindaco di Carapelle Calvisio, Giovanni Berardinangelo sindaco di Sant’Eusanio Forconese, Luigi Cannavicci sindaco di Campotosto, Luciano Mucciante sindaco di Castel del Monte, Fabio Santavicca sindaco di Santo Stefano di Sessanio, Luigina Antonacci sindaco di Castelvecchio Calvisio, Giuseppe Lo Stracco sindaco di Bugnara, Sandro Cocchio sindaco di Cocullo, Fernando Gatta sindaco di Villalago, Giovanni Mastrogiovanni sindaco di Scanno e Ivo Cassiani sindaco di Caporciano.

g8