Scuola Gdf L’Aquila, 900 allievi tornano a casa

Provvedimento con efficacia immediata: 900 allievi non qualificati della Scuola Gdf L'Aquila tornano a casa. Seguiranno i corsi in modalità telematica. Nessun allarme coronavirus.

900 allievi non qualificati della Scuola Ispettori e Sovrintendenti della Guardia di Finanza a L’Aquila tornano a casa. Provvedimento con efficacia immediata. Per loro e per altri 1260 tra allievi finanziari e allievi marescialli – destinati ai reparti operativi – i corsi si svolgeranno in modalità telematica.

La Scuola Ispettori e Sovrintendenti della Gdf ospita in totale quasi 2200 allievi. Ad oggi, all’interno della struttura delle fiamme gialle, non si è registrato alcun caso di contagio da Coronavirus. Al contrario, ad esempio, dell’omologa sede di Bergamo, dove in breve tempo si è venuto a creare uno dei veri e propri focolai del contagio da Covid-19.

La sicurezza degli allievi è stata garantita anche grazie alla puntualità e all’accortezza con le quali sono state adottate tutte le misure necessarie a scongiurare il rischio di eventuale contagio. Tra i provvedimenti presi, ad esempio, la riduzione delle uscite in città degli allievi.

Oggi è arrivato, però, il provvedimento di far rientrare a casa 900 allievi attualmente non qualificati. Per loro i corsi seguiranno, ma in modalità telematica. Sono stati, invece, temporaneamente destinati ai reparti operativi, impegnati in questi giorni d’emergenza a controllare il fenomeno dell’aumento incontrollato dei prezzi. Si tratta di 630 allievi finanzieri e di 630 allievi marescialli già in possesso della qualifica. Anche loro continueranno a seguire i corsi della scuola in modalità telematica.