Quantcast

Coronavirus, il G8 in soccorso della terapia intensiva

L'assessore regionale Guido Quintino Liris nell'ospedale del G8 rimesso in funzione per fronteggiare l'emergenza. "Potrà ospitare fino a 42 posti letto"

È stato inaugurato e benedetto questa mattina l’ospedale del G8 a L’Aquila, per rinforzare la terapia intensiva nel pieno dell’emergenza coronavirus.

La struttura del G8, che doveva essere smantellata per la creazione di nuovi parcheggi, ora diventa una preziosa risorsa perché consente di avere due sale con sei posti letto di terapia intensiva, a pressione negativa. «Quanto di più idoneo a trattare i casi dell’emergenza coronavirus», ha spiegato l’assessore regionale e medico del San Salvatore Guido Quintino Liris. 

Una struttura, inoltre, che «può essere ampliata fino a comprendere 30 posti letto, incrementabili, in caso di emergenza massiva, fino a 42, con terapia intensiva e sub intensiva. Ricordiamo che si amplia anche la parte della pneumologia, lasciando intatta l’area dedicata alla Rianimazione per eventuali urgenze ordinarie, dell’ospedale vero e proprio. C’è, poi, la possibilità di rendere operativa, nell’area del G8, una sala operatoria per urgenze legate ai pazienti risultati positivi al Covid-19, anche in questo caso senza rischio di contaminare sale operatorie dell’ospedale».

Una struttura, quella del G8 quindi, che potrà configurarsi come punto di riferimento anche per le necessità della costa, alle prese con un rilevante numero di contagi. Oltre alla zona costiera, inoltre, c’è anche l’area afferente al reatino che fa, spesso, riferimento al capoluogo, anche in ambito sanitario.

«Oggi – sottolinea Liris – purtroppo stiamo scontando il ritardo nell’aver adottato le misure restrittive a cui siamo sottoposti da qualche giorno. Misure che si sono rese necessarie vista la velocità di diffusione del virus e l’alto rischio di contagio. Il virus passa velocemente da una persona a un’altra, anche perché riesce a sopravvivere. Ecco perché bisogna evitare qualsiasi contatto, anche sporadico. Risulta difficile per gli stessi operatori sanitari anche risalire, attraverso l’indagine epidemiologica, a tutti i contatti dei casi positivi, soprattutto se ci sono di mezzo giri nei supermercati o nei tabaccai».

Neve e freddo: torna l’inverno in Abruzzo

Donato un frigorifero all’ospedale del G8, per la conservazione dei medicinali
Liris: “Ringrazio il Commissario di Polizia Sap Piero Bianchi per l’importante gesto di solidarietà”.