Quantcast

Coronavirus, chiudono anche i cantieri

Emergenza coronavirus, a L'Aquila chiudono anche i cantieri della ricostruzione.

C’è l’ok dalla Regione per la chiusura dei cantieri. L’emergenza coronavirus e l’alto rischio contagio hanno portato alla decisione definitiva, nell’aria da qualche giorno.

Manca soltanto la firma, per ufficializzare il provvedimento della chiusura dei cantieri a L’Aquila, come confermato da fonti accreditate dalla Regione.

cantieri chiusi

Ieri, mercoledì 11 marzo, la presa di posizione dell’Ance, che, attraverso una nota stampa ha precisato: “l’interruzione delle attività non ci vede assolutamente contrari, posto che si tenga in piena considerazione anche il problema delle conseguenze che si avranno su chi lavora in edilizia”.

In questi giorni erano state intensificate le comunicazioni con le imprese, al fine di monitorare la situazione. I cantieri si sono conformati alle nuove prescrizioni disposte, non senza registrare qualche rallentamento nell’attività lavorativa e qualche oggettiva difficoltà. 

Il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, ha riferito: “Apprendo che si starebbe predisponendo una ordinanza per la chiusura dei cantieri nelle aree colpite dal sisma 2009. Come già ribadito si tratta di una scelta condivisibile ma auspico che nella composizione di tale disposizione si tenga conto delle esigenze di lavoratori e imprese. Il Comune dell’Aquila è pronto a fare la propria parte e ho già dato indicazione agli uffici che tali sospensioni non debbano essere computate nei termini di fine lavoro che nelle relative penali di sforamento”.

Coronavirus e cantieri: l’appello dei lavoratori

Proprio nella giornata di oggi Il Capoluogo aveva raccolto la testimonianza degli operai impegnati nei cantieri della ricostruzione “Molti di noi hanno dato tanto a questa città in termini di impegno, sudore e fatica. Siamo qui dai primi giorni successivi al terremoto del 6 aprile. Oggi, con queste condizioni, con l’emergenza Coronavirus in atto, con l’aumento dei contagi, vorremmo tornare a casa!”.